Assegno Unico 2022 senza ISEE: qual è l’importo massimo?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
29/11/2022

L’importo dell’assegno unico dipende dall’ISEE presentato in sede di domanda. Tuttavia, è possibile richiedere il sostegno familiare anche senza l’indicatore economico, ma come stabilito dalla normativa, in tal caso, si potrebbe beneficiare soltanto dell’importo minimo. Vediamo insieme nel dettaglio.

top-view-hands-with-paper-cut-family-min (1)

A partire dal 2022, l’assegno unico e universale ha sostituito la maggior parte delle misure precedentemente disponibili per le famiglie con figli a carico e primi pagamenti del sostegno economico sono iniziati a marzo.

La domanda per poter beneficiare dell’assegno unico si può presentare in qualsiasi momento, ma dopo il 30 giugno 2022 non si ha più diritto agli arretrati. Inoltre, è possibile richiedere il contributo senza presentare l’Isee. Vediamo insieme come e quali sono gli importi.

Assegno unico: come fare domanda

top-view-people-holding-in-hands-cute-paper-family-min

La richiesta per l’assegno unico e universale può essere fatta senza presentare l’Isee, che può essere eventualmente caricato sulla piattaforma in un periodo successivo.

È possibile presentare domanda tramite i seguenti canali:

  • il sito internet INPS (con accesso diretto al servizio in evidenza tramite SPID, Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS))
  • il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile, con la tariffa applicata dal gestore telefonico);
  • gli enti di patronato.

Quali sono gli importi senza Isee?

composition-for-family-concept-on-blue-background-min

Si può beneficiare dell’assegno unico anche senza presentare l’Isee; tuttavia, in questo caso, si ha diritto all’importo minimo previsto per l’assegno, ossia 50 euro mensili per ciascun figlio minore che equivale alla medesima cifra destinata alle famiglie con Isee superiore a 40 mila euro.

Altrimenti, con la presentazione Isee, i redditi più bassi avranno diritto a un importo di circa 180 euro per ogni figlio e dal terzo figlio in poi l’importo arriva a 250/260 euro. Inoltre, ci sarà una maggiorazione se entrambi i genitori lavorano.

Assegno unico: come cambierà nel 2023

Big family walking outdoors

Gli importi dell’assegno unico a partire dal 2023 cambieranno in base al tasso di inflazione, che sarà presto ufficializzato dall’Istat, e che secondo le ultime indiscrezioni dovrebbe attestarsi intorno all’8%.

Se così fosse, l‘importo massimo dell’assegno unico aumenterà di 14 euro, passando da 175 a 189 euro al mese. Di conseguenza, anche l’importo minimo aumenterà, ma di 4 euro, passando dai 50 euro attuali ai 54 euro del 2023. Per quanto riguarda i figli maggiorenni, invece, l’importo massimo salirà a 91,80 euro, mentre il minimo a 27 euro.

Anche le maggiorazioni e le soglie ISEE saranno soggette a rivalutazione.