Assegno unico 2023: il calendario dei pagamenti di settembre

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
14/09/2023

Le nuove scadenze di pagamento dell’assegno unico a settembre 2023 variano in base alla situazione dei genitori, con pagamenti che iniziano il 15, 18 o 19 settembre. I neogenitori riceveranno notifiche via e-mail, ma è importante notare che le sanzioni relative all’attestazione Isee sono state rinviare a novembre 2023 per permettere ai cittadini di regolarizzare la loro situazione.

Assegno-unico-figli-pagamenti

Il mese di settembre 2023 porta con sé importanti aggiornamenti riguardo all’assegno unico in Italia. Le famiglie in attesa di questo sostegno finanziario dovranno tener conto delle nuove date di pagamento, che variano in base alla loro situazione.

In questo articolo, esamineremo le diverse scadenze di erogazione dell’assegno unico e le modalità per verificarle, oltre a esplorare le novità per i neogenitori e le sfide relative all’attestazione Isee.

Assegno unico: scadenze differenti

assegno-unico

Alcuni genitori riceveranno l’assegno unico il 15, 18 o 19 settembre 2023, ma solo se hanno già beneficiato dell’assegno in passato o se la loro situazione non è cambiata. Questo primo gruppo può quindi pianificare di ricevere i fondi in queste date specifiche.

Nuove Date per Diverse Categorie

A partire dal 27 settembre 2023, altre categorie di genitori beneficeranno dell’assegno unico. Questo include coloro che continuano a ricevere il reddito di cittadinanza in quanto “non occupabili” o che sono stati presi in carico dai servizi sociali del Comune.

Anche chi è considerato “occupabile” ma ha richiesto l’assegno prima della scadenza dell’ultima mensilità del reddito avrà il pagamento in questo periodo, sebbene su un conto corrente invece che sulla carta rdc.

Comunicazioni per i neogenitori

I neogenitori riceveranno un’email dall’Inps a partire da settembre 2023, incoraggiandoli a richiedere l’assegno unico o ad aggiungere figli a carico, se applicabile.

Tuttavia, è importante notare che questa email di avviso non verrà inviata automaticamente; i genitori interessati dovranno aderire a questo servizio proattivo tramite il portale MyINPS.

Rinvio delle sanzioni per l’attestazione Isee

Inizialmente previsto per settembre, l’applicazione dell’importo minimo dell’assegno unico in caso di omissioni o errori nell’attestazione Isee è stato rinviato a novembre 2023.

Questo rinvio è dovuto alle sfide che i cittadini potrebbero aver affrontato nel regolarizzare la loro situazione durante l’estate.

Regolarizzazione dell’attestazione Isee

Per coloro che devono affrontare omissioni o discrepanze nell’attestazione Isee, ci sono diverse opzioni per regolarizzare la situazione. Queste includono la presentazione di una nuova Dsu, la richiesta di correzione da parte di un Caf intermediario e la presentazione di documentazione appropriata per dimostrare la completezza e l’accuratezza dell’Isee.