Assegno unico 2023: importi, come ottenerlo e quando spetta

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
01/01/2023

Anche nel 2023 i nuclei familiari in possesso dei requisiti economici possono richiedere l’assegno unico e universale, la misura di sostegno attribuito per ogni figlio minorenne a carico fino alla maggiore età e, al ricorrere di determinate condizioni, fino al compimento dei 21 anni. Vediamo nel dettaglio come fare domanda.

top-view-hands-with-paper-cut-family-min (1)

Vediamo nel seguente articolo come funziona, a chi spetta e come richiedere l’assegno unico, il sostegno economico universale alle famiglie introdotto quest’anno e attribuito per ogni figlio minorenne a carico fino alla maggiore età e, al ricorrere di determinate condizioni, fino al compimento dei 21 anni.

Assegno unico 2023: domanda e pagamento

inps-pensioni-1200×675

Per ottenere l’assegno unico 2023 è necessario presentare domanda sul sito dell’INPS, previa autenticazione tramite SPID, CIE o CNS:

  • da uno dei genitori esercente la responsabilità genitoriale, a prescindere dalla convivenza con il figlio;
  • dal figlio maggiorenne per sé stesso;
  • dall’affidatario, ovvero da un tutore nell’interesse esclusivo del tutelato.

Per quanto riguarda il pagamento, l’assegno unico viene erogato al beneficiario attraverso una delle seguenti modalità:

  • conto corrente bancario;
  • conto corrente postale;
  • carta di credito o di debito dotata di codice IBAN;
  • libretto di risparmio dotato di codice IBAN;
  • accredito sulla carta per i nuclei beneficiari di Reddito di Cittadinanza;
  • in contanti presso uno degli sportelli postali del territorio italiano;
  • accredito su uno strumento di riscossione dotato di codice International Bank Account Number (IBAN), aperto presso prestatori di servizi di pagamento operanti in uno dei Paesi dell’aerea SEPA (Single Euro Payments Area).

Assegno unico 2023: gli importi

cropped-view-professional-serious-finance-manager-holding-calculator-hands-checking-company-month-s-profits-min

L’assegno unico 2023 prevede per ciascun figlio minorenne per cui si è presentata la domanda un importo pari a 175 euro mensili, che spetta in misura piena per un ISEE non superiore a 15.000 euro e si riduce gradualmente, fino a raggiungere un valore pari a 50 euro con ISEE pari o superiore a 40.000 euro.

Per ciascun figlio maggiorenne, fino al compimento del ventunesimo anno di età, è previsto invece un importo pari a 85 euro mensili in misura piena per un ISEE pari o inferiore a 15.000 euro, che si riduce fino a raggiungere un valore pari a 25 euro in corrispondenza di un ISEE pari o superiore a 40.000 euro.

Sono previste poi maggiorazioni per i nuclei familiari con figli successivi al secondo, figli con disabilità e per le madri di età inferiore ai 21 anni.