Assegno unico 2023: le nuove maggiorazioni per i figli disabili

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
25/12/2022

Assegno unico 2023: quali sono le nuove maggiorazioni per i nuclei familiari con figli disabili? Gli aumenti sono già attivi e andranno avanti anche nei primi mesi del 2023, in attesa di novità dalla Legge di Bilancio in merito all misura di sostegno. Vediamo insieme tutti i dettagli a riguardo.

physical-handicap-g190e5d372_1920

Assegno unico 2023: cambiano le maggiorazioni.

Nello specifico, sono stati aumentati gli importi per i nuclei familiari con a carico figli disabili maggiorenni: vediamo i dettagli nel seguente articolo.

Assegno unico 2023: le maggiorazioni

office-with-documents-and-money-accounts (3)-min

Di seguito tutte le nuove maggiorazioni per l’Assegno unico 2023:

  • per quanto riguarda i figli, disabili e non, con età fino a 18 anni, resta tutto invariato;
  • per i figli disabili fino a 21 anni non compiuti, per i quali inizialmente l’assegno è stato previsto nella misura massima di 85 euro al mese con ISEE fino a 15.000 euro, più 80 euro, a prescindere dall’ISEE, a titolo di maggiorazione per disabilità, gli importi dell’assegno e delle maggiorazioni per disabilità sono equiparati a quelli dei minorenni;
  • per i figli disabili di età pari o superiore a 21 anni, per i quali inizialmente l’assegno è stato previsto nella misura massima di 85 euro al mese, l’importo dell’assegno è equiparato a quello dei minorenni;
  • nel periodo che va dal 1° marzo 2022 al 28 febbraio 2023, quindi, i figli disabili beneficeranno di un assegno pari ad un massimo di 175 euro al mese con ISEE fino a 15.000 euro, a cui vanno aggiunti, anche per i figli fino a 21 anni, a titolo di maggiorazione, fino a 105 euro mensili in caso di non autosufficienza del figlio.

Assegno unico 2023: le altre maggiorazioni

money-5885626_1920

Qui, invece, vediamo le altre novità a favore dei nuclei familiari con figli disabili a carico:

  • l’importo dell’assegno previsto per ciascun figlio minorenne, pari ad un massimo di 175 euro mensili per un ISEE pari o inferiore a 15.000 euro, da ridursi gradualmente in funzione del crescere del valore ISEE, solo per il 2022 viene concesso nella stessa misura anche in caso di figli maggiorenni disabili senza limiti di età;
  • la maggiorazione prevista esclusivamente per i figli minorenni in base al grado di disabilità, da un minimo di 85 euro ad un massimo di 105 euro al mese, viene estesa ed applicata, per il momento solo al 2022, nella stessa misura a ciascun figlio con disabilità fino al compimento di 21 anni;
  • dal 2023 tornano ad applicarsi la maggiorazione di 80 euro mensili per i figli maggiorenni disabili fino al compimento del 21esimo anno di età, e quella di 85 euro mensili, che si riducono in funzione del valore ISEE, per i figli maggiorenni disabili di età pari o superiore a 21 anni.