Assegno unico: come avere l’aumento?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
16/01/2023

Per i beneficiari dell’assegno unico 2023 arrivano buone notizie: spetterà infatti un aumento dell’importo, ma solamente per coloro che hanno richiesto e aggiornato l’Isee entro i tempi previsti ex lege. Approfondiamo insieme la questione nel seguente articolo insieme.

Famiglia

I contribuenti che percepiscono l’assegno unico 2023, potranno contare su un aumento delle cifre spettanti, solamente nel caso in cui l’indicatore di reddito dovesse essere aggiornato entro i termini previsti dal regolamento.

L’importo spetta ancora in base alla condizione economica del nucleo familiare sulla base dell’Isee in corso di validità al momento della domanda. La nuova legge di bilancio ha introdotto delle nuove maggiorazioni. Vediamo di cosa si tratta insieme nel seguente articolo.

Assegno unico: aumenti grazie all’Isee?

Famiglia

Vediamo come può aumentare l’importo dell’assegno unico andando ad aggiornare il valore dell’Isee. La nuova Legge di Bilancio ha infatti stabilito che spetteranno degli aumenti sulle cifre mensili per coloro che andranno a presentare un Isee aggiornato entro la scadenza pre-fissata. La data di riferimento è il 28 Febbraio 2023. In assenza di questo documento aggiornato, le famiglie andranno a ricevere le somme minime spettanti, ossia quelle per chi ha più di 40 mila euro.

Gli importi mensili sono risultati più alti nelle regioni del Mezzogiorno, per via dei valori Isee mediamente più bassi. L’Osservatorio statistico sull’assegno unico e universale ha rilevato infatti importi medi in una fascia compresa tra i 134 euro per figlio nella provincia autonoma di Bolzano e i 167 euro in Calabria.

Famiglia

Vediamo ora quali sono tutte le altre maggiorazioni previste per l’assegno unico 2023. Oltre a quelle previste per coloro che presentano l’Isee corretto entro la fine del mese di Febbraio 2023, la Legge di Bilancio ha deliberato dei nuovi aumenti. Si tratta dei seguenti:

  • La maggiorazione mensile per i nuclei con almeno 4 figli passa da 100 a 150 euro.
  • La maggiorazione mensile per i nuclei con 3 o più figli a carico, per i figli con una età compresa tra 1 e 3 anni e per Isee fino a 40 mila euro, aumenta del 50%.
  • La maggiorazione mensile per i nuclei con figli di età inferiore a 1 anno aumenta del 50%.