Assegno unico figli disabili 2022: importi e maggiorazioni

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
24/01/2022

L’Assegno unico universale è entrato in vigore il 1° gennaio 2022, ma come noto i primi pagamenti partiranno solamente a marzo. La nuova misura di sostegno alle famiglie con figli fino a 21 anni, inoltre, prevede delle distinzioni nel caso in cui nel nucleo siano presente uno o più soggetti disabili: vediamo nel dettaglio come funziona.

inclusion-g6cffbb9a6_1920

La normativa sul nuovo assegno unico universale prevede delle distinzioni importanti per i nuclei familiari con uno o più figli disabili a carico. In presenza di determinate condizioni, infatti, si attivano le maggiorazioni sugli importi ed ulteriori agevolazioni.

Vediamo nel seguente articolo cosa bisogna sapere a riguardo, ricordando come i primi pagamenti del nuovo contributo economico partiranno solamente dal prossimo mese di marzo.

Assegno unico figli disabili: le distinzioni

physical-handicap-g190e5d372_1920

Con l’introduzione del nuovo assegno unico universale, che partirà ufficialmente da marzo 2022, sono state previste diverse tutele per i nuclei familiari con figli con disabilità, differenziando l’importo della misura a seconda della gravità della malattia.

In primis è bene specificare come le agevolazioni e le eventuali maggiorazioni cambiano a seconda dell’età del figlio:

  • nel caso di figli disabili di età inferiore ai 18 anni sull’importo base della prestazione, variabile a seconda dell’ISEE, si applica una maggiorazione che dipende dalla gravità dalla disabilità;
  • nel caso, invece, di figli disabili maggiorenni di età compresa tra i 18 e i 21 anni, sull’importo base della prestazione, sempre variabile a seconda dell’ISEE, si applica una maggiorazione fissa indipendentemente dal reddito e dal grado di gravità della disabilità;
  • per i figli disabili di età superiore ai 21 anni, infine, si continua ad avere diritto alle detrazioni per figli a carico e nel contempo spetta un assegno unico d’importo variabile a seconda dell’ISEE.

Assegno unico figli disabili: le maggiorazioni

money-1005464_1920

Sull’assegno unico per figli minorenni a carico con disabilità si applica una maggiorazione che non dipende dal reddito, bensì dalla gravità della disabilità:

  • 105 euro al mese per i figli non autosufficienti;
  • 95 euro al mese per i figli con disabilità grave;
  • 85 euro al mese per i figli con disabilità media.

Per i figli disabili di età compresa tra 18 e 21 anni, invece, si applica una maggiorazione fissa di 80 euro al mese, a prescindere dalla gravità della malattia.

Per i figli disabili con più di 21 anni, infine, l’assegno unico varia a seconda dell’ISEE da un minimo di 25 euro ad un massimo di 85 euro al mese.

Inoltre, nonostante la teorica incompatibilità tra l’assegno unico e le detrazioni per figli a carico, le famiglie con figli con disabilità di età superiore a 21 anni possono eccezionalmente godere delle detrazioni riconosciute sugli stessi.