Assegno unico marzo 2022: importi e requisiti

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
18/11/2021

Il Governo Draghi è al lavoro sul decreto attuativo del nuovo assegno unico universale, che entrerà a pieno regime a partire da marzo 2022. Nella bozza del provvedimento indicazioni importanti sugli importi e sui requisiti d’accesso: vediamo nel dettaglio tutte le novità a riguardo.

family-g93ca264aa_1920

Arrivano novità importanti sull’assegno unico universale operativo da marzo 2022. Nella bozza del decreto attuativo, infatti, vengono definiti gli importi e i requisiti della misura, con le domande che potranno essere inviate già a partire dal prossimo 1° gennaio.

Focus anche sulle famiglie con figli disabili, che potranno beneficiare di nuove importanti maggiorazioni.

Vediamo nel dettaglio tutte le ultime indicazioni sulla misura.

Assegno unico 2022: le novità

Tiny family at grocery bag with healthy food

Le principali novità contenute nella bozza del decreto attuativo riguardano gli importi dell’assegno unico universale.

La somma massima erogabile per ogni figlio minorenne è di 175 euro mensili, destinata ai nuclei familiari con ISEE fino a 15 mila euro. L’assegno cala poi progressivamente con l’aumento del livello ISEE, fino a raggiungere il minimo di 50 euro mensili per i redditi superiori a 40 mila euro.

Per ciascun figlio successivo al secondo, inoltre, è prevista una maggiorazione massima pari a 85 euro mensili (per ISEE pari o inferiore a 15 mila euro); per livelli di ISEE superiori si riduce gradualmente fino a raggiungere un valore di 15 euro in corrispondenza di ISEE pari a 40 mila euro. Oltre tale soglia di reddito l’importo erogato non prevede maggiorazioni.

Ricordiamo che l’assegno è richiedibile anche per i figli maggiorenni fino ai 21 anni, con la somma massima erogata che scende da 175 a 85 euro mensili.

Assegno unico 2022: i requisiti

composition-for-family-concept-on-blue-background-min

Il decreto attuativo ha inoltre confermato i requisiti per richiedere l’erogazione dell’assegno unico universale:

  • il richiedente deve essere residente e domiciliato in Italia da almeno due anni, anche non continuativi (in alternativa deve essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale);
  • il richiedente deve essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione Europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero sia cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o sia titolare di permesso unico di lavoro autorizzato a svolgere un’attività lavorativa per un periodo superiore a sei mesi o sia titolare di permesso di soggiorno per motivi di ricerca autorizzato a soggiornare in Italia per un periodo superiore a sei mesi;
  • il richiedente deve essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia.

Assegno unico con figli disabili: come funziona

with-special-needs-gc669550e8_1920

Il provvedimeno riserva uno spazio importante al funzionamento della misura in caso di presenza in famiglia di figli con disabilità.

Per ciascun figlio minorenne con disabilità è infatti prevista una maggiorazione pari a 105 euro mensili in caso di non autosufficienza, a 95 euro mensili in caso di disabilità grave e a 85 euro mensili in caso di disabilità media. Per ciascun figlio maggiorenne con disabilità, invece, la maggiorazione è pari a 50 euro mensili fino al compimento del ventunesimo anno di età.

Ciascun figlio con disabilità a carico di età pari o superiore a 21 anni, infine, ha diritto ad un assegno dell’importo pari a 85 euro mensili, in misura piena per ISEE fino a 15 mila euro, che si riduce fino a 25 euro per ISEE pari a 40 mila euro.