Assegno unico: possono averlo i minori affidati a tutori?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
09/05/2022

L’assegno unico è quell’agevolazione spettante quando si ha un figlio a carico con età massima fino a 21 anni. Ci si interroga se tale agevolazione possa spettare anche i minori che sono stati presi in custodia da un tutore: vediamo come funziona l’assegno in questa particolare fattispecie. 

Bambini

L’assegno unico a carattere universale è in vigore ormai da quasi tre mensilità, essendo stato adottato per la prima volta a partire dal 1° Marzo 2022. Esso garantisce un reddito ulteriore per i nuclei familiari che hanno un figlio a carico, anche se maggiorenne, fino ai 21 anni. Vi è però un caso limite da analizzare: cosa succede ai minori assegnati ad un tutore?

Facciamo chiarezza insieme sulla vicenda.

Assegno unico: spetta anche in caso di affidamento ad un tutore?

Bambini

Riguardo all’assegno unico, cosa succede in caso di figlio minore assegnato ad un tutore? Si tratta di una situazione limite, della quale non sono ben chiare le modalità di presentazione della domanda, se il minore deve essere dichiarato come figlio a carico e addirittura non è chiaro quale sia l’Isee da prendere in considerazione.

Tutti questi dubbi sono stati sciolti dal Sole 24 Ore, che nell’analizzare un caso specifico particolare, ha riportato tutte le procedure da seguire nella fattispecie suddetta. Vediamo insieme dunque come si può ottenere l’assegno unico in caso di minore affidato ad un tutore.

Assegno unico: ecco come averlo in caso di minore affidato ad un tutore

Bambini

Nei casi di assegnazione del minore ad un tutore, l’assegno unico viene erogato a questi nell’interesse dl minore. A livello normativo viene applicato l’Articolo 4, ossia quello relativo ad eventuali impedimenti alla sottoscrizione e la dichiarazione unica. Ma chi dovrà presentare la Dsu?

La dichiarazione unica sostitutiva dovrà essere presentata dal tutore legale del bambino, appunto in sostituzione della sua incapacità di agire. In virtù di ciò, l’Isee che verrà considerata sarà quella del minore e non del tutore legale.