Assegno universale anziani: cos’è e a chi spetta?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
19/01/2023

Il governo sta lavorando per implementare nell’ordinamento l’assegno universale per gli anziani: ma di cosa si tratta precisamente? Qualora dovesse essere richiesto ed ottenuto, questo andrebbe ad assorbire l’indennità di accompagnamento e potrà includere dei servizi di assistenza per gli anziani non autosufficienti.

Anziani

Le misure in essere per gli anziani, in particolare per quelli non autosufficienti, sono moltissime. Ma nonostante questo il governo sta per avviare l’iter per implementare una novità assoluta: l’assegno universale per gli anziani non autosufficienti. No deve essere confuso con l‘assegno di cura, ma si tratta comunque di un misura assistenziale.

Approfondiamo insieme la questione e vediamo di cosa si tratta nel seguente articolo.

Assegno universale anziani: quando verrà attuato?

Anziani

Vediamo in primis quando verrà introdotto l’assegno universale per gli anziani, che dovrebbe essere inserito nell’ordinamento nell’immediato futuro. Nella giornata di oggi il governo si è riunito proprio per stilare uno schema di disegno di legge ad hoc. Il primo passo è attuare la legge delega, ed in seguito dovranno essere attuati i decreti attuativi.

L’obiettivo è quello di introdurre entro il 1° Marzo 2024:

uno o più decreti legislativi finalizzati ad assicurare la sostenibilità economica e la flessibilità dei servizi di cura e assistenza a lungo termine per le persone anziane e per le persone anziane non autosufficienti.

Oltre a vantaggi economici, vi saranno inoltre anche dei vantaggi assistenziali.

Assegno universale anziani: cos’è?

Pensione

Vediamo ora cos’è e come funziona l’assegno universale anziani. Come spiegato in una nota ufficiale, si tratterà di una prestazione universale il cui importo dovrà essere parametrato in base al bisogno assistenziale dell’interessato. L’importo della prestazione varierà in base al bisogno della persona anziana e non dovrebbe dipendere dal reddito dell’interessato.

Le novità sono che i vantaggi per gli anziani saranno erogati:

  • sotto forma di denaro, quindi ricevendo un vero e proprio assegno mensile utile per farsi carico delle spese necessarie all’assistenza;
  • sotto forma di servizi alla persona.