Assicurazione infortuni domestici 2023: cos’è e quando è obbligatoria

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
02/03/2023

Anche quest’anno i soggetti che lavorano in casa e che non sono coperti da altre polizze assicurative sono obbligati a stipulare l’assicurazione contro gli infortuni domestici. La scadenza per il rinnovo annuale era fissata al 31 gennaio 2023, ma è ancora possibile pagare l’importo. Vediamo insieme tutti i dettagli sul tema.

cleanliness-gd64f417aa_1920

La polizza assicurativa contro gli infortuni domestici riconosce la tutela assicurativa a tutti quei soggetti che svolgono, a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione, un’attività rivolta alla cura dei componenti della famiglia e dell’ambiente in cui dimorano, in modo abituale ed esclusivo.

Vediamo nel seguente articolo come funziona e quando è obbligatorio stipulare questa assicurazione.

Assicurazione infortuni domestici 2023: cos’è e chi deve farla

woman-gbb4f59d04_1920

L’assicurazione contro gli infortuni domestici, prevista dalla legge n. 493/1999 e gestita dall’INAIL, riconosce la tutela assicurativa a tutti coloro che svolgono, a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione, un’attività rivolta alla cura dei componenti della famiglia e dell’ambiente in cui dimorano, in modo abituale ed esclusivo.

Quando è obbligatoria

Nel 2023, sono obbligati a stipulare la polizza assicurativa contro gli infortuni domestici:

  • gli studenti, anche se studiano e dimorano in una località diversa dalla città di residenza e che si occupano dell’ambiente in cui abitano;
  • tutti coloro che, avendo già compiuto i 18 anni, lavorano esclusivamente in casa per la cura dei componenti della famiglia;
  • i titolari di pensione che non hanno superato i 67 anni;
  • i cittadini stranieri che soggiornano regolarmente in Italia e non hanno altra occupazione;
  • i lavoratori in mobilità, i lavoratori in cassa integrazione guadagni o beneficiari di prestazioni a carico dei Fondi di integrazione salariale e i lavoratori che percepiscono indennità di disoccupazione previste dalle leggi vigenti a seguito della perdita involontaria dell’occupazione;
  • i soggetti che svolgono un’attività lavorativa che non copre l’intero anno (come lavoratori stagionali, lavoratori temporanei o lavoratori a tempo determinato).

Gli esoneri

Sono esonerati dall’obbligo assicurativo, invece:

  • il lavoratore socialmente utile;
  • il titolare di una borsa lavoro iscritto ad un corso di formazione e/o ad un tirocinio;
  • il lavoratore part time;
  • il religioso.

Assicurazione infortuni domestici 2023: come e quando pagare

money-3

In caso di rinnovo, il premio assicurativo andava corrisposto entro il 31 gennaio. Se invece ci si assicura per la prima volta, oppure se si è già assicurati ma il pagamento è effettuato dopo il 31 gennaio, l’assicurazione decorre dal giorno successivo a quello in cui è stato effettuato il pagamento.

L’importo dovuto è pari a 24 euro, e può essere pagato online sui siti web dell’INAIL, di Poste Italiane o della propria banca. In alternativa, è possibile pagare presso:

  • gli uffici postali;
  • in banca:
  • allo sportello bancomat;
  • presso le ricevitorie, i tabaccai e i supermercati abilitati.

Per i soggetti che hanno un reddito personale complessivo lordo fino a 4.648,11 euro annui, o che fanno parte di un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo non supera i 9.296,22 euro annui, il premio viene pagato dallo Stato.