Auto: aumentano le polizze assicurative?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
09/06/2022

I rincari dovuti all’inflazione stanno colpendo moltissimi settori dell’economia: ultimo ad essere colpito potrebbe essere quello delle polizze auto. Le riparazioni alle automobili sono più costose e questo comporterà quasi sicuramente un aumento del prezzo delle polizze. Vediamo di quanto aumenteranno.

assicurazione auto incidente-2

Sono lontani i tempi in cui la pandemia aveva portato i prezzi delle polizze auto ai minimi storici, con addirittura alcune compagnie che hanno restituito alcune mensilità ai propri clienti a causa del rischio zero di incidenti. Ora con i rincari generali che stanno affliggendo l’economia, il prezzo delle polizze potrebbe di riflesso salire causando ancor più disagi per gli automobilisti.

Vediamo l’andamento del settore degli ultimi anni e cosa si prospetta per il futuro.

Assicurazioni: perché aumenteranno le polizze?

Auto

Facciamo chiarezza in primis per quanto riguarda l’aumento dei prezzi delle polizze assicurative del settore auto e moto. Questi sono direttamente collegati all’aumentare del prezzo delle materie prime necessarie per effettuare le riparazioni dei veicoli danneggiati. E’ dunque inevitabile assistere ad un aumento del prezzo delle polizze assicurative.

Tutto questo dopo che nel 2020 e nel 2021 si è assistito ad un calo dei prezzi, con addirittura alcune compagnie che hanno restituito alcune mensilità. Ma non solo inflazione: le nuove auto sono sempre più tecnologiche ed eventuali danni a sensori, telecamere e altri strumenti potrebbero far aumentare il prezzo delle riparazioni.

Assicurazioni: che fine faranno i risparmi del 2020?

auto-mechanic-checking-car-min

L’anno dello scoppio della pandemia è stato particolare sotto molti punti di vista. Le compagnie assicurative hanno avuto modo di risparmiare moltissimo denaro derivante dai premi incassati a causa della mancanza di sinistri. Molti di quei risparmi sono stati messi a riserva sinistri, proprio in previsione di un aumento futuro dei sinistri e dei prezzi.

La riserva costituita ammontava a circa 2,3 miliardi di euro, ma un eventuale aumento dei premi in futuro farà pensare che questa è stata utilizzata dl tutto. A riguardo si attende la comunicazioni Ivass sul 2021.