Auto: nuovo crollo del mercato ad Aprile 2022

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
03/05/2022

Dopo la prevedibile caduta del mercato dell’automobile per il mese di Marzo, a causa dell’eccessivo aumento del prezzo dei carburanti, ci si auspicava che il mese di Aprile fosse quello della ripresa. Si è assistito invece ad un calo ancora maggiore, riportando il mercato sui livelli degli anni 60′. Facciamo chiarezza.

Auto

Continua la parabola discendente del mercato dell’automobile, in forte crisi dopo il doppio shock crisi delle materie prime e prezzi dei carburanti. Il primo causò la mancanza di metalli preziosi utili per la fabbricazione di microchip sempre più fondamentali per le auto di oggi, il secondo sta generando incertezza tra gli acquirenti, che preferiscono pazientare.

Date queste premesse, sono due mensilità consecutive che il mercato non supera le 100 mila unità vendute: come farlo riprendere?

Crollo mercato auto: a cosa è dovuto?

Auto, Elettriche

Analizziamo in primis a cosa è dovuto il crollo del mercato dell’automobile tra il mese di Marzo ed Aprile 2022. I driver principali sono legati alle attuali condizioni geopolitiche, ma anche riguardo agli strascichi commerciali della pandemia. I nuovi lockdown in Cina stanno causando maggiori ritardi nella consegna di materiale, dall’alluminio al nichel, necessari per la fabbricazione delle auto.

Se si unisce questo alla costante incertezza legata alla questione Ucraina e le relative conseguenze per i prezzi dei carburanti e dell’energia, si sta ritardando di molto la ripresa del settore, che sta faticando a rivedere i livelli del 2019.

Auto: quali marchi restano a galla?

bollo-auto-1200×675

Nella situazione di disastro generale, vi sono però dei marchi che stanno tenendo botta, alcuni di questi sono delle vere e proprie sorprese (di cui una italiana). A resistere è in primis il marchio Ds francese, facendo segnare una crescita sia per il quadrimestre che per il mese di Aprile. Oltre a questo menzione speciale va alla Dacia, la casa rumena si sta dimostrando uno dei marchi con le vendite più alte.

Ma la vera sorpresa è tutta targata Italia: si tratta della Dr, di produzione molisana. Il marchio ha di fatto triplicato i volumi di vendita rispetto ad un anno fa. Menzione speciale anche per Honda e per Tesla.