Automobili, scatola nera obbligatoria: da quando?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
14/01/2022

Da Luglio 2022 scatta un nuovo obbligo nel mondo delle automobili: ogni nuova vettura fabbricata dovrà essere dotata di scatola nera. Dall’obbligo non saranno esenti anche camion, bus e furgoni: analizziamo la questione insieme.

Cuidados para compra de vehículo – concepto.

Da questa estate, precisamente da Luglio 2022, vi sarà una rivoluzione sul mondo delle automobili, legata principalmente all’analisi degli incidenti. Ogni nuovo veicolo prodotto infatti dovrà essere dotato di scatola nera a bordo: questa ha il compito di immagazzinare e comunicare dati di funzionamento del mezzo e sulla circolazione di questo.

L’utilizzo principale dunque è quello di favorire l’analisi degli incidenti, per testare al meglio di chi è la colpa in caso di sinistro, dal più comune ai peggiori. Approfondiamo la vicenda.

Auto, scatola nera a bordo: ecco a cosa serve

auto-mechanic-checking-car-min

Approfondiamo qual è lo scopo della scatola nera a bordo, strumento non del tutto nuovo in Italia, in quanto già utilizzato nelle comuni auto aziendali. In questo caso lo scopo è quello di analizzare i parametri di guida dei lavoratori, in modo da premiare i più virtuosi. Secondo quanto previsto da Luglio 2022, la scatola nera ha il compito di raccogliere un limitato numero di parametri, che però non verranno trasmessi live ad un ente esterno.

La normativa UE che ha introdotto l’obbligo di tale misura, specifica che i dati raccolti dalla scatola nera, hanno la principale funziona di andare a riscostruire la dinamica di un incidente, per stabilire la colpevolezza con maggior precisione.

Scatola nera: quali dati registrerà?

Automobili

Vediamo ora quali sono i dati che registrerà la scatola nera. Iniziamo considerando che non si tratta della classica scatola nera utilizzata negli aerei e nelle navi, questo dispositivo raccoglierà un numero di dati limitato dalle normative sulla privacy dell’Unione Europea. Inoltre i dati sono disponibili solo ad autorità certificate e solo in caso di necessità, quindi di avvenuto sinistro.

I dati raccolti riguardano le accelerazioni e decelerazioni, la velocità di percorrenza del mezzo, airbag e cinture di sicurezza, posizione dello sterzo nella fase precedente e successiva al sinistro. Le forze dell’ordine potranno avere tali dati, scaricandoli semplicemente dal pc.