Autostrade tornano pubbliche: dettagli e obiettivi dell’operazione

13/06/2021

Dopo anni turbolenti, a seguito della tragedia del Ponte Morandi, Autostrade per l’Italia torna in mano allo Stato italiano. Ruolo determinante è stato giocato dalla Cdp, (Cassa depositi e prestiti) che insieme ad altre due società ha raggiunto l’accordo con Atlantia S.p.a per l’acquisizione dell’88% della società.

Highway

Autostrade per l’Italia S.p.a, nata nel 1950, è stata privatizzata nel 1999 per poi essere rifondata nel 2003 con a capo la famiglia Benetton. Dopo la tragedia del viadotto sul Polcevera, le molte attenzioni poste sopra al controllo privato della società effettuato da Benetton tramite Atlantia S.p.a, hanno influito sul ritorno della società in mani pubbliche.

Vediamo l’operazione nel dettaglio.

Autostrade per l’Italia: ritorno al pubblico tramite Cdp

L’acquisizione di Autostrade per l’Italia è stata effettuata da un Consorzio composto dalla Cassa depositi e prestiti, Blackstone Infrastructure Partners e Macquarie Asset Management. L’operazione sarà effettuata da una società italiana di nuova fondazione denominata Holding Reti Autostradali S.p.a, controllata da Cdp Equity al 51%, da Blackstone Infrastructure Partners e Macquarie Asset Management al 24,5% ciascuna.

Le quote acquistate dalla cordata sono pari all’88,06%, la parte restante dovrebbe rimanere in mano in mano alla famiglia Benetton. L’operazione sarà completata nei prossimi mesi, nei quali i neo-proprietari sonderanno il terreno tra gli azionisti per comprenderne l’orientamento ed iniziare successivamente a pianificare il futuro.

writing-1149962_1920

Obiettivi del Consorzio di acquisizione

Con il passaggio di proprietà ed il ritorno al 51% nelle mani dello Stato tramite la Cdp, controllata dal Tesoro, vi sono delle novità anche riguardo agli  obiettivi da perseguire.

  • Realizzare un vasto piano di investimenti in tutta la rete autostradale posseduta;
  • Promuovere il miglioramento attraverso la digitalizzazione e l’innovazione;
  • migliorare l’efficienza dei programmi di manutenzione dell’infrastruttura per innalzare la sicurezza degli automobilisti e degli addetti ai lavori;
  • Offrire stabilità societaria a lungo termine, dopo gli ultimi turbolenti anni, per una delle società italiane più importanti .

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica