Prezzo carburanti: per quale motivo il prezzo della benzina potrebbe arrivare a 4 euro?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
23/10/2021

Un’ipotesi avanzata da un noto professore avverte gli italiani di prepararsi a un possibile aumento del prezzo della benzina a 4 euro nell’eventualità che si verifichino tre avvenimenti. Ecco cosa ha detto l’esperto.

handsome-man-pours-gasoline-into-tank-of-car-minSecondo un’ipotesi avanzata da un noto professore di Economia Applicata, il prezzo della benzina potrebbe raggiungere i 4 euro al litro. Affinché ciò si realizzi, tre sono gli avvenimenti che devono verificarsi: l’aumento del prezzo del greggio da 84 dollari a 200 dollari, le compagnie petrolifere smettono di investire e la domanda delle materie prime dovrebbe rimanere molto alta. Ad avanzare questa possibilità è Alberto Clò, il direttore della Rivista Energia.

Benzina 4 euro

close-up-woman-at-gas-stationAlberto Clò è docente di Economia applicata ed è stato lui stesso ad avanzare questo catastrofico scenario sulla Rivista Energia. Secondo il professore, se i prezzi dovessero salire intorno ai 200 dollari al barile, la possibilità che la benzina arrivi a 4 euro al litro è molto plausibile.

Tale situazione potrebbe realizzarsi nel caso in cui si verifichi una crescita della domanda e una diminuzione degli investimenti da parte delle società petrolifere. A ciò si aggiunge l’attuale crisi energetica della Cina, che ha portato il governo a comprare carbone, metano e petrolio a qualsiasi prezzo, a differenza dell’Unione europea che si trova in grande difficoltà.

In vista dell’aumento dei prezzi, alcuni Paesi dell’eurozona sono già corsi ai ripari, tra cui la Francia. Infatti, il premier Jean Castex ha annunciato un aiuto governativo dal valore di 100 euro rivolto alle classi medie per l’acquisto della benzina. Tale contributo riguarderà circa 38 milioni di cittadini francesi e coloro che potranno accedervi devono dimostrare di guadagnare meno di 2000 euro netti al mese.

I rincari dell’ultimo periodo

petrol-g3c673b902_1920Secondo i dati dell’Unione energie per la mobilità (Unem), la benzina è aumentata del 10,4% rispetto a settembre 2020 (+10,8% rispetto al 2019) mentre il prezzo del gasolio è cresciuto del 6,2% (+7,6 rispetto al 2019). Il carburante per gli aerei, invece, nonostante un +62% nell’ultimo mese rimane inferiore del 47% rispetto al 2019. L’Unem, infine, ha segnalato aumenti anche per tutti gli altri usi di gasolio e gpl.