Bitcoin e Le Iene: oggi cosa è cambiato?

01/03/2021

Da alcuni anni i bitcoin sono diventati uno degli argomenti più interessanti per chi è appassionato di investimenti e di nuove prospettive per il futuro finanziario: già nel 2018 le Iene si erano occupate del tema, intervistando un ragazzo che si era trasferito in Bulgaria ed aveva costruito un vero e proprio impianto ad hoc. 

Progetto senza titolo – 2021-03-01T104136.846

Le Iene sono uno dei programmi televisivi di inchiesta che cercando di dare spazio e luce anche ad alcune realtà poco conosciute: se oggi infatti il mondo dei bitcoin è oggetto di grande curiosità da parte di quanti sono interessati agli investimenti anche in ottica futura, qualche anno fa era un tema ancora poco affrontato.

Le Iene, però, avevano deciso, in un servizio realizzato da Matteo Viviani, di parlare di una una mining farm in Bulgaria, ideata e gestita da un ragazzo italiano, Gianluca Mazza, che aveva ben considerato le prospettive di un trasferimento in un paese in cui il costo dell’energia elettrica era notevolmente più basso rispetto al nostro.


Leggi anche: Bitcoin: cosa sapere per acquistarli

bitcoin iene

Gianluca Mazza aveva costruito un impianto ad hoc, composto da 500 macchine: un vero e proprio arsenale che sarebbe stato in grado di garantire grandi profitti. Oltre al risparmio sull’energia elettrica, infatti, se si analizza la profittabilità del mining di bitcoin di qualche anno fa si può capire che era quasi il doppio rispetto a quella di oggi, dando quindi grandi prospettive a Mazza.

Bitcoin: cosa è cambiato oggi

Progetto senza titolo – 2021-03-01T104152.332

Di quell’impianto, costruito con grande organizzazione da Gianluca Mazza, oggi non si sa più molto: anche sui profili social il ragazzo italiano non è più attivo, per questo si potrebbe pensare che l’investimento fatto non abbia reso come sperato, forse anche soffrendo della diminuzione del prezzo dei bitcoin.

Dal 2018 al 2020, infatti, il prezzo dei bitcoin, seppur tra alti e bassi, ha subito diversi rallentamenti, che hanno fatto crollare la profittabilità del mining di bitcoin, che era arrivata a toccare il punto più basso nella seconda metà dello scorso anno, quando era arrivata a 0,06$ al giorno per THash/s.


Potrebbe interessarti: Bitcoin in Italia: le tasse imposte dall’Agenzia delle Entrate

Insomma, le prospettive che inizialmente erano più che rosee per l’attività intrapresa da Gianluca Mazza, si sono poi rivelate piuttosto deludenti e anche se il ragazzo aveva confessato di star pensando ad un nuovo progetto da intraprendere, non sono più arrivate notizie a riguardo: che abbia definitivamente abbandonato l’idea di fare successo con i bitcoin?

Ilaria Bucataio
  • Laureata in Scienze della comunicazione
  • Esperta in bonus fiscali e detrazioni
Suggerisci una modifica