Bitcoin: gli hotel accettano le criptovalute

13/03/2021

Kessler Collection, noto marchio statunitense di hotel di lusso, ha comunicato che inizierà ad accettare pagamenti in Bitcoin e in altre criptovalute tramite la piattaforma BitPay. L’obiettivo è quello di andare incontro agli ospiti internazionali riducendo le problematiche legate alle diverse valute.

bitcoin-credit-card-pos-terminal-min-min

La nota catena di hotel di lusso americana Kessler Collection ha emesso pochi giorni fa un comunicato stampa in cui ha sancito la collaborazione con BitPay, una tra le principali piattaforme per i pagamenti crypto. Da questo momento sarà possibile pagare il soggiorno presso uno dei loro hotel in Bitcoin o in altre valute virtuali.

Si tratta dell’ennesima apertura del settore del turismo alle criptovalute, sempre più coinvolto nel mondo degli asset virtuali.

L’obiettivo di Kessler, affermano dall’azienda, è quello di ampliare le possibilità di pagamento ai propri clienti internazionali, che si trovano spesso a che fare con valute differenti.


Leggi anche: Bitcoin e criptovalute: quale futuro reale?

Gli hotel Kessler Collection accetteranno pagamenti crypto

The Kessler Collection Logo

Il gruppo di hotel di lusso statunitense Kessler Collection inizierà ad accettare pagamenti in criptovaluta. Lo ha recentemente annunciato la stessa catena di alberghi, che in un comunicato ha ufficializzato la collaborazione con la famosa piattaforma BitPay esperta in transazioni crypto.

Da questo momento sarà possibile pagare il proprio soggiorno presso qualsiasi hotel del gruppo in Bitcoin e non solo. Kessler Collection accetterà infatti pagamenti in Ethereum, Dogecoin e quattro stablecoin: USD Coin, Paxos Standard, Binance USD e Gemini Dollar.

Si tratta di un passo avanti molto importante per la nota catena di alberghi, così come specificato dall’Amministratore Delegato nonché Presidente Richard Kessler:

“Quello dei pagamenti crypto è uno dei concetti più innovativi nel settore dell’ospitalità in questo momento. Credo che le criptovalute guadagneranno sempre più spazio e la collaborazione con BitPay ci consente di offrire più scelte agli ospiti nel processo di pagamento”.

Turismo e ospitalità: cresce l’apertura alle criptovalute

type-entertainment-complex-the-popular-resort-with-pools-and-water-parks-in-turkey-with-more-than-5-million-visitors-a-year-amara-dolce-vita-luxury-hotel-resort-tekirova-kemer-min

Ma Kessler Collection è solamente l’ultimo marchio ad aver aperto i propri pagamenti alle criptovalute. Dalle agenzie di viaggio alle compagnia aeree, sono già molte le attività operanti nel settore del turismo e dell’ospitalità ad aver compiuto questo importante passo.


Potrebbe interessarti: Bitcoin in Italia: le tasse imposte dall’Agenzia delle Entrate

Di sicuro, una spinta importante ai pagamenti in valuta virtuale nel comparto turistico è stata data anche dall’emergenza pandemica, la quale ha aumentato sensibilmente la digitalizzazione dell’intero settore.

Le grandi società si stanno aprendo sempre di più alle criptovalute, considerate oramai elemento chiave per ampliare i propri bacini di clienti. Quello che si auspicano adesso gli esperti è una mossa da parte dei governi nella definizione di una regolamentazione che appare oggi più che mai assolutamente necessaria.

 

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica