Bollette: come risparmiare il gas?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
07/09/2022

L’aumento del prezzo del gas sta facendo preoccupare moltissimo i governi europei, al punto che stanno per essere prese delle misure per risparmiare. Ma esistono dei modi per risparmiare il gas in casa? E’ possibile utilizzare al meglio i nostri elettrodomestici per consumare meno? Vediamo tutto quello che c’è da sapere.

biogas-2919235_1920 (1)

Il prezzo del gas ha raggiunto livelli mai visti in Italia e in Europa, con rincari rilevanti per tutti i paesi. I governi sono molto preoccupati, in particolare anche per le recenti comunicazioni della Russia su ulteriori tagli alle forniture.

Vi sono dei metodi home made per risparmiare gas ed energia? Vediamoli insieme nei prossimi paragrafi.

Rincari bollette: come risparmiare gas

Gas

Prima di vedere come risparmiare per ogni tipologia di elettrodomestico a disposizione, cerchiamo di capire come è possibile risparmiare gas nelle nostre case e nella vita di tutti i giorni. Uno dei consigli più diffusi ad oggi è quello di cuocere la pasta senza tenere sempre il fuoco acceso. Basta infatti far raggiungere il punto di ebollizione, in seguito si spegne il fornello e la pasta si cuocerà.

Vi sono altri metodi per risparmiare gas: uno di questi è quello di evitare di tenere i termosifoni accesi per troppo tempo ed a temperature eccessivamente elevate.

Vediamo ora come risparmiare per ogni tipologia di elettrodomestico.

Rincari bollette: come risparmiare con gli elettrodomestici

Elettrodomestici

I consigli principali che vi suggeriamo sono collegati all’utilizzo degli elettrodomestici, in quanto ormai sono gli elementi che portano più consumo nelle case degli italiani. Ecco cosa fare caso per caso:

Forno – Una cottura combinata con fornelli o microonde consente di risparmiare su tempi e bolletta, in alternativa si può valutare di acquistare un modello combinato. E’ buon uso inoltre pulire periodicamente il forno, per aumentare l’efficienza dei consumi.

Lavastoviglie – Va usata a pieno carico utilizzando il lavaggio eco anche se è più lungo. In alternativo si può utilizzare un programma normale, ma con temperature più basse. Bisogna poi ricordare che l’asciugatura è estremamente energivora.

Frigorifero – Non bisogna inserire cibi caldi e si deve evitare di tenere spesso con il frigorifero aperto. Bisogna poi ricordare che un frigorifero ordinato garantisce migliori prestazioni perché circola più aria. Se inoltre il frigo non è un no frost, bisogna sbrinare regolarmente il freezer.

Lavatrice – Deve essere usata a pieno carico, prediligendo temperature basse (30-40 °C) e scegliendo il programma eco.

Climatizzatori – Devono essere impostati a una temperatura non superiore o inferiore ai 6 gradi rispetto a quella dell’ambiente esterno; se l’afa e l’umidità sono notevoli, va prediletta la modalità deumidificatore. Importante poi la manutenzione periodica.