Bollette gas: nuovi aumenti per il 2023?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
04/12/2022

Dopo aver superato lo shock delle bollette di Ottobre 2022, sembrava che i prezzi del gas e dell’energia si fossero stabilizzati. Dalle nuove proiezioni invece sembra che il prezzo salirà di circa 15 centesimi di euro per metro cubo. Cosa sta influendo? Sicuramente l’aumento del fabbisogno della materia prima, circa +16% rispetto a Novembre.

bollette-pazze-87204404

L’Arera torna a far preoccupare gli italiani per i nuovi aumenti del prezzo delle bollette del gas e dell’energia. Dopo la boccata d’ossigeno del mese di Novembre, tornano a salire i prezzi in maniera preoccupante: +14% e si rischia la nuova crisi inflazionistica su energia e carburanti. Cos’è che sta determinando questo incredibile aumento del prezzo dell’energia?

Scopriamolo insieme nel seguente articolo.

Gas: prezzo di riferimento più alto

Bollette

L’aumento del prezzo in bolletta deriva dal rincaro cui si sta assistendo sui mercati finanziari. Questo mese il gas viene scambiato a 91,2 euro per megawattora contro i 78,05 euro per MWh del mese precedente. Dati i seguenti valori, il prezzo finale che i contribuenti dovranno pagare è pari a 122,41 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse, in aumento di 14,77 centesimi di euro rispetto al dato comunicato dall’Arera agli inizi di novembre.

Oltre a questo, va considerato che nel mese di Dicembre aumenta e non poco il fabbisogno e la domanda di gas, a causa dell’abbassamento delle temperature e dei giorni di festa da passare in casa.

Prezzo del gas: quanto incidono le imposte?

bollette

Vediamo ora qual è l’incidenza delle imposte sul prezzo finale del gas. Il peso delle imposte è aumentato, passando da 22,44 a 23,15 centesimi di euro (18,91% del totale della fattura) e che include le accise (12,49%), l’addizionale regionale (1,66%) e l’Iva (4,76%). E questi aumenti sono da considerarsi al netto dell’azzeramento degli oneri generali.

Il governo avrà dunque l’arduo compito di gestire al meglio la situazione, evitando che le famiglie in difficoltà si trovino senza soldi per andare avanti.