Bollette: in arrivo più gas dall’Algeria

L’Italia come sappiamo deve trovare il modo di sostituire la fornitura di gas russo, che vale circa il 46% del totale della domanda del mercato italiano. Per fare ciò ci si sta appellando a molti stati vicini che ne dispongono, tra cui l’Algeria: lunedì è previsto un incontro con le alte cariche dello Stato.

Gas

Nonostante l’incertezza sulla posizione politica di Mario Draghi, la macchina degli impegni per migliorare la qualità dell’offerta di gas non può di certo fermarsi. Ecco perché per lunedì prossimo è previsto un incontro ad Algeri con il primo ministro algerino, proprio per discutere sull’aumento della fornitura di gas dall’Algeria all’Italia.

Vediamo insieme i dettagli della vicenda.

Gas: aumenta la fornitura dall’Algeria

gas-1822691_1920

Tra gli Stati coinvolti nell’aumento della fornitura di gas all’Italia, è coinvolta anche la Sonatrarch, compagnia algerina che si occupa di fornitura di metri cubi di gas. Stando agli accordi presi in primavera, l’Italia vedrà l’arrivo di circa quattro miliardi di metri cubi di gas in più per il 2022, necessari appunto per sostituire la fornitura del gas russo.

Il nuovo accordo viene considerato un successo dagli addetti ai lavori, tra cui dal Ministro della Transizione Ecologica Cingolani che afferma:

Si tratta di un ulteriore passo nella strategia portata avanti dall’esecutivo e che, grazie anche al lavoro degli operatori italiani, mette in sicurezza il Paese, già nel breve termine, sul fronte dell’approvvigionamento di gas

Fornitura gas: la centralità di Eni

disdetta-eni-gas-luce

In tutta questa serie di nuovi accordi, va ricordato il ruolo assolutamente centrale che ricoprirà Eni, il colosso italiano che si occupa di fornire il gas in Italia e non solo. In primavera sono stati numerosi i viaggi compiuti dal Ministro degli Esteri Di Maio assieme all’Ad di Eni Descalzi, proprio per trattare con i fornitori l’acquisto maggiore di gas.

Tra gli stati coinvolti vi è il Qatar, il Mozambico, La Libia e appunto l’Algeria.

Lascia un commento