Bollette luce e gas 2021: +40% entro dicembre

14/09/2021

Il Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha dichiarato che per ottobre sono attesi rincari per le bollette della luce di circa il 40%. Ciò sarebbe dovuto all’aumento globale dei prezzi del gas e dell’elettricitàc: approfondiamo la questione insieme.

light-bulb-1640438_1920

Le dichiarazioni di ieri di Roberto Cingolani, Ministro per la Transizione Ecologica, non hanno fatto piacere agli italiani, che si trovano già da mesi ad affrontare rincari importanti.

Il prezzo della bolletta della luce, infatti, crescerà del 40% entro il mese di dicembre: il Ministro si è appellato al fatto che i cittadini devono essere consapevoli di quanto sta per accadere e devono essere pronti a far fronte a tale spesa.

Aumento del prezzo dell’elettricità: ecco le motivazioni

ministro_roberto_cingolani_mite-transizione-ecologica

In tutto il periodo estivo si è assistito ad un aumento generale dei prezzi dovuto all’aumento della domanda post-lockdown e di conseguenza dall’aumento del costo delle materie prime.


Leggi anche: NASpI 2021: stop riduzione del 3% fino a dicembre

Tra quelle che hanno accusato aumenti di prezzo più importanti ci sono l’energia elettrica e il gas, che hanno comportato inevitabilmente il lievitare del prezzo delle bollette.

Già dallo scorso luglio vi era stato un rincaro del 20%, ma il Governo era tempestivamente intervenuto per fermare il rincaro al +9,9%, al fine di non gravare troppo sulla ripresa estiva italiana.

Ora la situazione potrebbe essere più onerosa per gli italiani, ed ecco perchè Cingolani ha voluto informare personalmente i cittadini:

Queste cose vanno dette, abbiamo il dovere di affrontarle”.

Transizione ecologica e transizione sociale

FED, Forum sull’economia digitale

Il Ministro si è poi soffermato sull’importanza della transizione sociale, che deve andare di pari passo con quella ecologica:

“Se l’energia aumenta troppo di costo, le nostre imprese perdono competitività e i cittadini, soprattutto quelli con un reddito medio-basso, faticano ulteriormente per pagare dei beni primari come l’elettricità in casa”.

Non può esserci transizione ecologica se non si procede di pari passo verso quella sociale:

“Le famiglie con i redditi medio-bassi devono poter essere messe nelle condizioni di affrontare spese per convertire la propria abitazione verso la sostenibilità”.


Potrebbe interessarti: Tasse e bollette, pagamenti online: novità dal 1 marzo

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica