Bollette luce e gas: conviene il mercato libero?

01/08/2021

Bollette: conviene realmente affidarsi al mercato libero di energia e gas? È questa la domanda che si è posta l’Arera e a cui ha provato a rispondere col primo rapporto sul monitoraggio dei mercati di vendita al dettaglio dell’energia elettrica e del gas.

light-bulbs-406939_1920

L’Arera, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, ha reso noto il primo rapporto sul monitoraggio dei mercati di vendita al dettaglio dell’energia elettrica e del gas, con la quale ha provato ad analizzare l’effettiva convenienza del libero mercato rispetto al servizio di maggior tutela.

Vediamo insieme cosa è emerso dal report dell’Arera.

Mercato libero luce e gas: sempre più utenti

light-bulb-3104355_1920

L’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera) ha pubblicato il primo rapporto sul monitoraggio dei mercati di vendita al dettaglio dell’energia elettrica e del gas. Da questo è emerso come sempre più utenti stiano optando per il passaggio dal servizio di maggior tutela al libero mercato.


Leggi anche: Tasse e bollette, pagamenti online: novità dal 1 marzo

Di seguito i principali dati relativi al passaggio al libero mercato resi noti da Arera:

  • tra i clienti domestici, il 57% lo fa per i consumi elettrici in bassa tensione;
  • il 60,2%, invece, ha cambiato per i consumi di gas sotto i 200 mila metri cubi standard;
  • l’81% dei contratti del mercato libero di luce e gas sono firmati da soggetti di età compresa tra 18 e 29 anni.

Mercato libero luce e gas: conviene davvero?

appliance-2257_1920

Ma ciò che in molti si chiedono è se conviene realmente affidarsi al libero mercato per la fornitura di luce e gas.

Arera ha provato a rispondere a questa domanda analizzando i mercati di vendita al dettaglio tramite il proprio report, da cui è emerso come oltre il 90% delle offerte del libero mercato non siano convenienti rispetto a quelle del servizio di maggior tutela.

Nello specifico, infatti, delle 5 mila offerte considerate dall’Autorità solamente una parte è risultata meno cara rispetto a quella delle tutele: 64% per il settore dell’energia elettrica e 65% per quello del gas.

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica