Bollette: occhio ai controlli sui termosifoni

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
15/11/2022

E’ arrivato l’inverno in gran parte d’Italia, ma allo stesso tempo sono scattate le nuove limitazioni all’utilizzo dei termosifoni. In particolare bisogna prestare attenzione alle multe che potrebbero arrivare. Vediamo nel seguente articolo chi sono i soggetti tenuti al controllo delle norme e quali sono gli orari e le temperature da rispettare.

Termosifoni

I nuovi limiti all’utilizzo dei termosifoni, approvati dal Ministro della Transizione Ecologica Cingolani, stanno per diventare a tutti gli efficaci. Il decreto prevede delle limitazioni temporali, circa quindici giorni in meno in cui possono essere accesi, e delle limitazioni fisiche, ossia i termosifoni dovranno essere tenuti giù di un grado.

Facciamo chiarezza in primis su chi saranno i soggetti tenuti ad effettuare i controlli, oltre a conoscere altri dettagli tecnici.

Termosifoni: le informazioni principali

Caldaia

Per quanto riguarda la temperatura da tenere all’interno dei condomini, queste non dovranno superare il limite dei 19 più 2 gradi centigradi. Negli impianti dotati di valvole termostatiche è onere del singolo utente adeguare la regolazione. Inoltre, a discrezione del responsabile della centraline, la temperatura può essere impostata sue due livelli: 16+2 gradi in attenuato e 19+2 gradi, a regime.

Il limite di temperatura è inderogabile, sia per l’attenuato che per quello a pieno regime, anche se nel condominio sono presenti anziani o persone con disabilità.

Termosifoni: ecco chi li controlla

Termosifoni

Vediamo in primis chi sono i soggetti che dovranno effettuare i controlli sulla corretta tenuta dei termosifoni, soprattutto per quanto riguarda il rispetto della temperatura da tenere nei condomini. I controlli sono affidati agli incaricati per il rilascio dell’attestato di certificazione energetica. Tali entità dovranno verificare, ove possibile, il rispetto delle nuove disposizioni.

I controlli saranno svolti ovviamente dove sarà più semplice, come ad esempio in grandi uffici o condomini in cui il riscaldamento è gestito a livello centralizzato. In questi luoghi abitativi in particolare, vi saranno delle specifiche norme che approfondiremo di seguito.