Bollette: quanto consumano gli addobbi natalizi?

Qual’è il peso degli addobbi natalizi in bolletta? Quanto consumano e quanto gravano in bolletta le luci natalizie? Vediamo insieme nello specifico.

Natale

Come da tradizione, le famiglie italiane si accingeranno ad addobbare le proprie abitazioni l’8 dicembre. Palline, lucine ed albero di natale in primis. Troviamo anche chi, per paura dell’aumento dell’energia elettrica sceglie di risparmiare anche sugli addobbi e le luci natalizie.

Quindi meno luci ed un albero di natale più serio potrebbero essere una delle soluzioni adottate dalle famiglie italiane per evitare di incorrere in ulteriori rialzi delle bollette. Va fatto notare comunque che il costo degli addobbi natalizi è minimo. Andiamo allora a vedere quanto consumano e costano lucine ed albero di natale in bolletta. Come fare per risparmiare?

Qual’è il costo del natale in bolletta?

banconote-money-euro

In generale, durante il periodo natalizio, i consumi crescono fino al 30%, ma non dobbiamo dare la colpa alle decorazioni luminose. Infatti la maggior parte dei consumi provengono da un maggior utilizzo degli elettrodomestici.

Quest’anno qualche famiglia, per cercare di risparmiare il più possibile, potrebbe aver deciso di non inserire le classiche illuminazioni. Non temete: le decorazioni natalizie non gravano così tanto in bolletta, soprattutto se usati i giusti accorgimenti. Esistono infatti diversi trucchetti per abbassare la bolletta.

Quanto consuma l’albero di Natale?

money-1005476_1920

Sull’ albero di Natale, oltre alle decorazioni più svariate, si mettono sempre anche le lucine. Il tempo in cui può rimanere acceso l’albero varia dalle 6 alle 8 ore al giorno, ma anche di più. Quanto consuma allora?

Il miglior accorgimento è quello di usare luci di Natale a LED. Questo infatti fa diminuire la spesa in bolletta del 90%. Rinnovare le luci, non solo quelle di Natale, è un modo per vedere il prezzo finale della bolletta abbassarsi di diversi euro.

Le luci a LED

light-bulb-close-up

Le luci a LED sono in grado di far risparmiare svariati euro. Quindi la prima mossa è: rinnovare le luci.

Ricordiamo che le luci devono avere un marchio di garanzia e sicurezza, come CE. Le lampadine prodotte con materiali scadenti potrebbero causare una maggior dispersione di energia, e quindi un consumo e costo maggiore.