Bollette: quanto costa cambiare operatore?

In molti si stanno informando su come poter cambiare operatore per la distribuzione dell’energia. Questo spesso comporta costi e spese eccessive che disincentivano a farlo. Ma quanto costa cambiare operatore energetico ad oggi? Vediamolo insieme nel seguente articolo.

Bollette

Cambiare operatore energetico è possibile grazie alle nuove disposizioni in materia del governo. La procedura anche se è semplice e veloce, può comportare una spesa eccessiva per il consumatore, che spesso disincentiva a fare questa manovra. Vediamo quali sono i costi da sostenere per effettuare il cambio operatore nel seguente articolo.

Fornitori gas e luce: quando si paga la penale?

bollette-2

Vediamo in quali casi si deve pagare per cambiare l’operatore energetico. Ci sono due casi eccezionali in cui sono dovuti i pagamenti:  quando il cambiamento di operatore viene fatto a distanza di meno di un anno da quello precedente, oppure quando si sceglie di passare da un fornitore del Mercato Libero al regime di Maggior Tutela.

Quanto costa cambiare operatore?

Cambiare operatore energetico, in questi due casi eccezionali, ha un costo variabile. Nel primo caso, l’addebito è a discrezione del singolo operatore e ammonta a circa 27 euro. Nel secondo caso è invece necessario il pagamento dell’imposta di bollo, il cui valore è di 16 euro. Non sono invece previste spese per il contatore: il passaggio non richiede alcun intervento tecnico.

Bollette: come cambiare operatore?

Vediamo ora come cambiare operatore energetico. L’operazione, grazie al mercato libero, è molto semplice e porta via solo pochi minuti. Per farlo basta infatti attivare il nuovo contratto, andando ad indicare i nuovi dati anagrafici il codice identificativo alfanumerico che si trova nella bolletta e il proprio contatto mail o telefonico ed eventualmente il codice Iban su cui avviare la domiciliazione delle utenze.

Perché conviene cambiare fornitore?

bollette

Il cambio fornitore è un’operazione molto diffusa in quanto spesso è conveniente per il consumatore. Le scelte sono spesso legate esclusivamente al risparmio, in quanto la qualità di energia e gas forniti sono sempre gli stessi. Per questo è sempre molto utile confrontare i prezzi degli operatori vari.

 

Lascia un commento