Bollo auto 2022: scadenze, sanzioni ed esenzioni

Rachele Luttazi
  • Scrittore e Blogger
13/01/2022

Diversamente da quanto previsto negli ultimi due anni, nessuna agevolazione o proroga è prevista per il bollo auto quest’anno. La tassa per i proprietari di autovetture dovrà essere versata entro i termini previsti: vediamo insieme quali sono le scadenze, le sanzioni previste in caso di mancato versamento e chi può beneficiare delle esenzioni.

Happy family couple and two kids riding in carIl bollo auto è una tassa regionale il cui importo viene determinato dalla normativa comunitaria sulle emissioni inquinanti presente sulla carta di circolazione. Nel corso del 2020 e del 2021 diverse sono state le proroghe e sospensioni dei pagamenti, mentre per quest’anno non è previsto alcun tipo di agevolazione.

Vediamo insieme entro quando pagare la tassa, quali sono le sanzioni previste in caso di mancato versamento e chi è soggetto a esenzione.

Bollo auto 2022: in cosa consiste e come pagare

Man with map on smartphone renting carIl bollo auto consiste in una tassa regionale sul possesso di un’autovettura regolarmente iscritta al Pra (Pubblico registro automobilisto) il cui importo finisce nelle casse della regione in cui il veicolo è registrato.


Leggi anche: Bollo auto 2021 non pagato: cosa succede, rischi e sanzioni

Il pagamento della tassa può avvenire presso i centri Aci (Automobile Club d’Italia) o direttamente sul portale online ma anche alle Poste, alle ricevitorie Lottomatica, agli sportelli Atm o nelle tabaccherie convenzionate con banca ITB.

Bollo auto 2022: scadenze, sanzioni ed esenzioni

Car review video concept vector illustration.Il bollo auto deve essere pagato entro il mese successivo dalla data di scadenza prevista. Dunque, per esempio, il pagamento deve avvenire entro il 1° gennaio 2022 se la scadenza prevista risale al 31 dicembre mentre se quest’ultima è prevista al 31 gennaio la scadenza corrisponde al 28 febbraio 2022.

Nel caso in cui il pagamento non avvenga entro i termini previsti, per quanto concerne le sanzioni, la legge n. 157 del 25 aprile 2019 ha esteso i termini del ravvedimento operoso oltre i 12 mesi. Il proprietario dell’automobile è tenuto a versare una somma aggiuntiva a titolo di contravvenzione pari a 4,29% se il saldo avviene entro 12 mesi o del 5% se il tributo viene versato oltre i 2 anni dalla scadenza. Chi non paga per 3 anni consecutivi rischia invece la cancellazione dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) con conseguente ritiro della carta di circolazione e della targa della vettura.

Sono esentati dal pagamento del bollo auto i possessori di:

  • auto adibite al trasporto dei disabili;
  • macchine d’epoca ultratrentennali;
  • auto elettriche.