Bollo auto 2022: si avvicina la scadenza di novembre

Bollo auto 2022: c’è tempo fino a mercoledì 30 novembre per pagare la tassa automobilistica. Interessati dalla scadenza, questa volta, sono coloro che hanno visto terminare la durata del bollo della propria auto lo scorso mese di ottobre. 

toy-car-going-up-on-the-increasing-stack-of-coins-against-white-background-min

Bollo auto 2022, altra scadenza in arrivo: entro mercoledì 30 novembre sono tenuti a pagare la tassa automobilistica tutti coloro a cui è scaduta ad ottobre, secondo il meccanismo ordinario di riscossione che prevede il pagamento entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello della scadenza del bollo.

Vediamo insieme le prossime scadenze e chi è esonerato dalla tassa.

Bollo auto 2022 entro il 30 novembre: per chi?

coin-stacks-in-front-of-car-min

Nuova scadenza in arrivo per gli automobilisti. Coloro che hanno visto scadere il bollo della propria auto lo scorso mese di ottobre, infatti, sono obbligati a rinnovarlo entro mercoledì di questa settimana, il 30 novembre.

Da quest’anno, ricordiamo, sono state reintrodotte le tempistiche ordinarie di rinnovo del bollo auto entro l’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza.Ecco tutte le date da qui a fine anno entro cui procedere al rinnovo del bollo auto:

  • scadenza ottobre 2022, pagamento dal 1° al 30 novembre 2022;
  • scadenza novembre 2022, pagamento dal 1° al 31 dicembre 2022;
  • scadenza dicembre 2022, pagamento dal 1° al 31 gennaio 2023.

Bollo auto 2022: gli esoneri

auto-financing-g8991df61c_1920

Il bollo auto non è dovuto da tutti gli automobilisti. Ci sono determinate categorie che possono beneficiare dell’esenzione dal pagamento del bollo auto. Nel dettaglio, sono esonerati dal pagamento della tassa di possesso per il proprio veicolo i soggetti:

  • affetti da disabilità:
  • disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • disabili con ridotte o impedite capacità motorie;
  • non vedenti e/o sordi;
  • aventi handicap psichico o mentale con riconoscimento dell’indennità di accompagnamento.

Inoltre, il bollo non è dovuto:

  • in caso di furto dell’auto, previa denuncia;
  • in caso di vendita dell’auto (chi cede il veicolo non deve pagare il bollo, se questo scade dopo la trascrizione dell’atto di vendita o donazione al PRA);
  • in caso di radiazione dell’auto;
  • in caso di rinuncia all’eredità dell’auto mediante trascrizione al PRA (in questo caso non si è tenuti a pagare il bollo per l’auto del defunto passata in successione).

Lascia un commento