Bollo auto: chi è esente dal pagamento

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
03/11/2022

In alcuni casi è possibile usufruire dell’esenzione dal pagamento del bollo auto. Infatti, alcuni cittadini italiani possono evitare di pagare la tassa automobilistica, se in possesso di determinati requisiti. Vediamo insieme quando si è esenti dal pagamento.

Automobili

Il bollo auto corrisponde alla tassa automobilistica gestita dalle Regioni e dalle Province Autonome di Bolzano e Trento, tranne per il Friuli Venezia Giulia e la Sardegna per le quali la tassa è gestita dall’Agenzia delle Entrate.

Alcuni cittadini, se in possesso dei requisiti previsti, possono usufruire dell’esenzione dall’obbligo del pagamento del bollo. Vediamo insieme quando si è esenti dal pagare la tassa automobilistica.

Bollo auto 2022: i casi di esenzione

bollo-auto-1200×675

Tra i cittadini esenti dal pagamento del bollo auto rientrano i beneficiari della Legge 104 e i possessori di veicoli immatricolati da più di 30 anni.

Inoltre, possono non pagare la tassa automobilistica coloro che possiedono veicoli a zero o basse emissioni di CO2, beneficiari di un’esenzione per ben 5 anni. Infine, sono fortunati gli abitanti della provincia di Bolzano per i quali è prevista un’esenzione di tre anni purché abbiano istallato l’impianto GPL.

Bollo auto: sanzioni in caso di ritardo nel pagamento

man-driving-car-from-rear-view (1)

Il Codice della Strada prevede diverse sanzioni in caso di mancato pagamento. A cominciare dall’intimazione di riscossione, le sanzioni per ogni tentativo di elusione possono portare al recapito della cartella esattoriale, con possibile fermo amministrativo. Come ogni tributo, oltre a quanto dovuto, anche interessi di mora e sanzioni andranno ad aggiungersi, e aumenteranno col passare del tempo.

Il ritardo comporta, oltre i 14 giorni dalla scadenza, le seguenti sanzioni: 0,1% del costo complessivo del bollo per ogni giorno; 1,5% fra i 15 e i 30 giorni; 1,67% fra i 30 e il 90 giorni: e 3,75% dopo 90 giorni ed entro l’anno. Superando l’anno si entra nel regime di sanzione 30%, più 0,5% ad ogni semestre. Si può provvedere al pagamento entro 3 anni dalla scadenza del bollo, dopodiché sarà impossibile circolare con la propria automobile in quanto verrà radiata dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA).