Bollo auto: debiti passati cancellati e tariffe per il 2021

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
23/08/2021

Tra le riforme studiate dal Governo Draghi, una delle più importanti è quella inerente al bollo auto. Sono molte le novità che riguardano tale argomento, ma ce n’è una in particolare che ha fatto molto discutere: scopriamo insieme cosa c’è da sapere.

Highway, road viewed inside automobile. Vector illustration

Novità in vista per il bollo auto, ma non si tratta del bollo auto 2021, bensì quello relativo agli anni passati. Il Governo ha deciso di cancellare il debito per i proprietari di autovetture che non avevano pagato il bollo auto nel periodo 2000-2010.

Per coloro che sono sempre stati in regola, si potrebbe trattare quasi di una beffa, in quanto si tratta di una sorta di sconto per tutti gli inadempienti.

Bollo auto: le novità per il 2021

human-hand-is-holding-electric-car-charging-connect-to-electric-car-min

La prima novità riguarda le vetture elettriche: Piemonte e Lombardia, infatti, non fanno pagare il bollo ai proprietari di auto elettriche.

Invece, per coloro che sono in possesso di auto “tradizionali“, le tariffe per il bollo 2021 sono le seguenti:

  • vetture euro 0 fino a 100 kilowatt di potenza 3 euro ogni Kw (oltre questa potenza, il costo lievita a 4,50 euro);
  • vetture euro 1 fino a 100 kilowatt di potenza 2,90 euro ogni Kw (oltre questa potenza, il costo lievita a 4,35 euro);
  • vetture euro 2 fino a 100 kilowatt di potenza 2,80 euro ogni Kw (oltre questa potenza, il costo lievita a 4,20 euro);
  • vetture euro 3 fino a 100 kilowatt di potenza 2,70 euro ogni Kw (oltre questa potenza, il costo lievita a 4,05 euro);
  • vetture euro 4/5/6 fino a 100 kilowatt di potenza spendono 2,58 euro ogni Kw (oltre questa potenza, il costo lievita a 3,87 euro).

È logico che chi è in possesso di auto più datate pagherà un bollo nettamente più alto di chi possiede veicoli più recenti.

Bollo per auto a metano e a gpl

Happy family couple and two kids riding in car

Per i proprietari di veicoli a metano o gpl, il Governo ha studiato degli incentivi per favorirne la diffusione: si tratta di una riduzione del bollo del 75% rispetto ad un auto a carburante standard (benzina o gasolio).

Va sottolineato che le vetture in oggetto devono avere la certifiazione CEE ad attestare che la loro alimentazione sia esclusivamente a metano o a gpl.

È chiaro, poi, che incentivi ancor più incoraggianti sono stati posti in essere per le vetture elettriche, che saranno il futuro della mobilità ad emissioni zero.