Bollo auto scaduto nel 2022: a gennaio ultima scadenza per pagare

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
02/01/2023

Bollo auto: si avvicina l’ultima scadenza per il pagamento della tassa automobilistica relativa allo scorso anno. Entro il 31 gennaio, infatti, sono tenuti a pagarla tutti coloro a cui è scaduta l’ultimo mese del 2022. Vediamo insieme come pagare.

toy-car-going-up-on-the-increasing-stack-of-coins-against-white-background-min

Bollo auto: entro il 31 gennaio sono tenuti a pagare la tassa automobilistica tutti coloro a cui è scaduta a dicembre 2022, secondo il meccanismo ordinario di riscossione che prevede il pagamento entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello della scadenza.

Vediamo nel seguente articolo come procedere al pagamento.

Bollo auto 2022: nuova scadenza a dicembre

agenzia-delle-entrate

Gli automobilisti a cui è scaduto il bollo auto nel mese di dicembre 2022 avranno tempo fino al prossimo 31 gennaio per rinnovarlo, secondo il meccanismo di riscossione che prevede il pagamento entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello della scadenza. Dal mese di febbraio, invece, partità il rinnovo del bollo auto scaduto dopo il 1° gennaio 2023.

Questi tutti i canali attraverso cui è possibile pagare il bollo auto:

  • Poste Italiane, mediante il pagamento online allo sportello o attraverso gli altri canali messi a disposizione;
  • Delegazioni ACI;
  • Agenzie Sermetra;
  • Punti vendita Mooney;
  • punti vendita Lottomatica;
  • altre Agenzie di pratiche auto autorizzate presenti sul territorio (come Isaco, PTAvant, Stanet, Agenzia Italia Net Service e altre ancora);
    banche e altri operatori aderenti all’iniziativa PSP tramite i canali da questi messi a disposizione (Home Banking, Sportelli Bancari, Punti vendita Mooney, APP per smartphone e tablet, esercizi commerciali, ecc.);
  • tramite pagoBollo on line, il servizio online di ACI denominato Bollonet. Questa possibilità è prevista in tutte le regioni tranne che in Calabria e Veneto.

Bollo auto: gli esoneri

car-finance-4516003_1920

Il legislatore ha individuato alcune categorie che possono beneficiare dell’esenzione dal pagamento del bollo auto. Nello specifico, si tratta:

  • dei soggetti affetti da disabilità:
  • dei disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • dei disabili con ridotte o impedite capacità motorie;
  • dei non vedenti e/o sordi;
  • dei soggetti aventi handicap psichico o mentale con riconoscimento dell’indennità di accompagnamento.

Inoltre, il bollo auto non è dovuto:

  • in caso di furto dell’auto, previa denuncia;
  • in caso di vendita dell’auto (chi cede il veicolo non deve pagare il bollo, se questo scade dopo la trascrizione dell’atto di vendita o donazione al PRA);
  • in caso di radiazione dell’auto;
  • in caso di rinuncia all’eredità dell’auto mediante trascrizione al PRA (in questo caso non si è tenuti a pagare il bollo per l’auto del defunto passata in successione).