Bonus 100 e lode, diminuisce l’importo: di quanto?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
01/11/2022

Agli studenti e le studentesse che terminano l’esame di maturità con votazione pari a 100 e lode spetta un bonus che viene elargito dal Ministero dell’Istruzione. Tuttavia, nel corso degli anni l’importo del contributo è andato sempre più diminuendo: vediamo insieme perché e a quanto ammonta nel 2022.

schoolkids-writing-something-down-min

Il bonus 100 e lode è un contributo rivolto a quegli studenti e quelle studentesse che escono dalla maturità con una votazione pari a 100 e lode.

Si tratta di un premo introdotto nel 2007 tramite la legge n.1/2007, il cui importo però è sempre più andato diminuendo nel corso degli anni.

Vediamo insieme di quanto e per quale motivo.

Bonus 100 e lode ai minimi termini: cos’è successo

School

Nell’anno in cui è stato attivato, l’importo del bonus 100 e lode era parti a mille euro, tuttavia con il passare del tempo gli studenti e le studentesse meritevoli sono aumentati di numero, mentre i fondi a disposizione per il contributo sono rimasti invariati.

Nel 2007 a prendere 100 e lode all’esame di maturità furono poco più di 3mila maturandi, mentre nel 2019 superarono i 7mila. I numeri aumentano di anno in anno fino ad arrivare al boom del 2022 con oltre 16mila maturandi con lode. Nel 2020 furono oltre 12mila, mentre nel 2021 poco più di 15mila.

Di conseguenza la somma stanziata si è assottigliata: dai 1000 euro del 2007 ai 500 euro del 2011, per poi arrivare ai 370 euro del 2016, ai 340 euro del 2017, ai 300 euro del 2018, e poi scendere sotto i 100 euro dal 2020 in poi.

Nel 2022, il bonus 100 e lode ha un valore pari a 73 euro.

Bonus 100 e lode: a chi spetta

banconote-money-euro

Il bonus 100 e lode spetta a quegli studenti e studentesse che raggiungono la lode all’esame di maturità.

Il punteggio viene attribuito dalla commissione di maturità che decide sulla lode solo con decisione presa all’unanimità (e motivata) e solamente a quei maturandi che abbiano conseguito il punteggio massimo – 100 su 100 – senza aver usufruito dei 5 punti supplementari che la stessa commissione può assegnare a propria discrezione.