Bonus 150 euro disoccupati: quando viene pagato?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
19/01/2023

Il bonus 150 euro è ancora in vigore e spetta soprattutto ad una categoria in forte difficoltà: i disoccupati. Per questi contribuenti, il bonus dovrà essere pagato nella seconda fase prevista dal calendario degli accrediti entro il mese di Febbraio. Il bonus spetta anche a chi ha terminato la Naspi. Approfondiamo insieme la vicenda.

Soldi

Il governo ha predisposto che il bonus 150 euro sarà pagato ai disoccupati, anche a coloro che sono rimasti senza Naspi. Tale eventualità potrà avvenire solo a determinate condizioni. Il calendario dei pagamenti del bonus 150 euro, infatti, ha previsto due tempi di accredito il secondo dei quali parte proprio nel mese di febbraio. Ai disoccupati il pagamento verrà erogato d’ufficio, senza bisogno di alcun tipo di domanda, me non per tutti.

Bonus 150 euro: a chi spetta?

Soldi

Vediamo in primis a chi spetta il bonus 150 euro per disoccupati. Ribadiamo che questo dovrà essere erogato anche senza Naspi. Come si legge dal testo la condizione necessaria per avere diritto al bonus è la seguente:

L’unica condizione di accesso all’indennità una tantum è la titolarità nel mese di novembre 2022 di una delle richiamate prestazioni a sostegno del reddito.

Dunque il pagamento del bonus 150 euro per disoccupati spetterà a:

  • titolari di Naspi nel mese di novembre;
  • titolari di Dis-Coll nel mese di novembre;
  • titolari di mobilità in deroga e trattamenti d’importo pari alla mobilità, sempre nel mese di novembre;
  • titolari di disoccupazione agricola 2021.

Bonus 150 euro Febbraio: chi ne è escluso?

Soldi

Vediamo ora chi sarà escluso dall’ottenimento del bonus 150 euro per il mese di Febbraio. Viene escluso dal pagamento del bonus 150 euro disoccupati a febbraio chi a novembre 2022 non risultava essere beneficiario della Naspi o della Dis-coll.

Il testo di legge chiarisce diversi aspetti:

Si precisa che l’indennità una tantum in argomento non è, invece, riconosciuta ai percettori della Naspi che hanno fruito della stessa in forma anticipata secondo le disposizioni di cui all’articolo 8 del decreto legislativo n. 22/2015 e il cui periodo teorico ricomprenda il mese di novembre 2022.