Bonus 200 euro 2022 autonomi, partite Iva e Cococo: quando e come arriva

È in arrivo il decreto attuativo per quanto riguarda l’erogazione del bonus 200 euro per i lavoratori autonomi, possessori di partita IVA e Cococo. Vediamo insieme quando e come arriverà il contributo.

money-1005464_1920

Il decreto attuativo necessario per autorizzare il bonus 200 euro introdotto dal decreto aiuti ed energia sta per essere firmato, dopo di che il contributo verrà erogato anche a lavoratori autonomi, possessori di partita IVA e Cococo.  Nel frattempo, si parte con lavoratori dipendenti, pensionati, disoccupati percettori di Naspi e Reddito di cittadinanza.

Per quanto riguarda gli autonomi, partite Iva e Cococo, infatti, la modalità di erogazione è differente dalle altre categorie di beneficiari. Per questa tipologia di lavoratori è stato predisposto un fondo pari a mezzo miliardo di euro.

Bonus 200 euro 2022: autonomi, partite IVA e Cococo

money-1005479_1920

A luglio partiranno i primi pagamenti del bonus 200 euro per i lavoratori dipendenti, pensionati e disoccupati, mentre i lavoratori autonomi, possessori di partita IVA e Cococo dovranno attendere, a causa dell’assenza del decreto attuativo che sarebbe dovuto arrivare lo scorso 17 giugno. Tuttavia, sembrerebbe che il decreto stia per essere firmato: il ministero del Lavoro si sta occupando dell’ultimo paio di dettagli tecnici.

Nonostante ciò, dopo la firma del decreto attuativo, sarà necessaria la circolare e la realizzazione della piattaforma, oltre che i controlli, l’approvazione delle domande e l’erogazione del bonus. Infatti, per questa categoria di beneficiari del contributo sarà necessario presentare domanda.

Dunque, bisognerà avere pazienza; infatti, autonomi, possessori di Partita IVA e Cococo dovranno attendere ancora prima di ottenere il bonus 200 euro.

Bonus 200 euro dipendenti: cos’è il modello di autocertificazione

money-1033647_1920

Il Decreto Aiuti ed Energia ha introdotto il bonus 200 euro, un contributo erogato una tantum a lavoratori, pensionati e disoccupati con un ISEE inferiore ai 35 mila euro. Il pagamento del bonus avverrà a luglio.

Per i lavoratori dipendenti è prevista la presentazione di un’autodichiarazione per poter accedere al bonus 200 euro. Il modello serve a dimostrare che il beneficio non si riceva in altre forme. Oltre all’autocertificazione, per poter accedere al bonus 200 euro, ai dipendenti è richiesto di aver beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8% tra gennaio e aprile, almeno per una mensilità. L’indennità spetta dunque a chi ha una retribuzione mensile, imponibile ai fini previdenziali, pari a massimo 2.692 euro.

A non dover presentare il modello di autocertificazione per poter beneficiare del bonus 200 euro, sono i dipendenti pubblici e i pensionati.

Lascia un commento