Bonus 200 euro anche per i pensionati: requisiti e pagamento

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
16/06/2022

È in arrivo il bonus 200 euro per i pensionati, che saranno i primi a beneficiare dell’aiuto introdotto con il decreto Aiuti. Gli accrediti avverranno nella giornata di venerdì 1° luglio: vediamo nel dettaglio a chi spetta il beneficio.

money-3481757_1920

Il decreto Aiuti ha stanziato 6,3 miliardi di euro per riconoscere un bonus di 200 euro in favore di 31,5 milioni d’italiani. Tra questi rientrano anche alcuni soggetti percettori di pensioni, sia quelle di tipo previdenziale, comprese quelle indirette, sia i trattamenti di tipo assistenziale, come gli assegni per invalidità civile o l’assegno sociale.

Vediamo nel seguente articolo quali requisiti devono rispettare i pensionati per poter beneficiare del bonus 200 euro.

Bonus 200 euro pensionati: a chi spetta?

office-with-documents-and-money-accounts (3)-min

Il bonus 200 euro per i pensionati spetta ai soggetti residenti in Italia titolari di:

  • uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria;
  • pensione o assegno sociale;
  • pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti;
  • trattamenti di accompagnamento alla pensione.

Si ha diritto al bonus, quindi, su tutte le pensioni di tipo previdenziale, sia dirette che indirette. Il bonus, inoltre, spetta anche a coloro che sono titolari di trattamenti di accompagnamento alla pensione (ad esempio l’Ape sociale), oltre che ai titolari di assegno sociale. Non hanno diritto alle somme i pensionati residenti all’estero.

Per poter beneficiare del bonus, tuttavia, è necessario rispettare anche un requisito economico: il reddito personale relativo al 2021, infatti, deve risultare inferiore a 35.000 euro.

Bonus 200 euro pensionati: come e quando arriva

inps-pensioni-1200×675

La data di pagamento del bonus 200 euro per i pensionati è stata ufficializzata: le somme verranno accreditate il prossimo 1° luglio.

Per ottenere il beneficio non serve presentare alcuna domanda, in quanto l’INPS procederà d’ufficio all’erogazione del bonus. La situazione reddituale del percettore è comunque soggetta a successiva verifica: in caso di superamento del tetto dei 35.000 euro, l’Istituto provvederà alla notifica dell’indebito entro l’anno successivo a quello di acquisizione delle informazioni reddituali.