Bonus 200 euro, boom di richieste: entro quando fare domanda

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
28/09/2022

Da quando è stato dato il via libera alle domande per il bonus 200 euro da parte di autonomi e professionisti, gli Enti hanno fatto sapere di aver ricevuto migliaia di richieste in poche ore. Ma fino a quando si potrà richiedere il bonus? Vediamo insieme.

money-1005464_1920

Da lunedì, 26 settembre 2022, gli autonomi e i professionisti in possesso dei requisiti necessari possono presentare domanda per il bonus 200 euro. Le richieste potranno essere inoltrate alle Casse di previdenza private o all’INPS, a seconda dei casi, entro il 30 novembre.

In due giorni, secondo quanto riportato dagli Enti, sono arrivate migliaia di richieste, con la Cassa forense che dichiara circa 20 mila domande in un paio d’ore.

Bonus 200 euro autonomi: come fare domanda

money-1005479_1920

La domanda dovrà essere presentata all’INPS per coloro che sono iscritti alla forma previdenziale INPS, quali artigiani, commercianti, coltivatori diretti ed iscritti alla gestione separata.

La richiesta, invece, dovrà essere fatta alla propria cassa di appartenenza per i professionisti con cassa (quindi, commercialisti, avvocati, ecc.). Nel caso iscrizione a più casse previdenziali, la richiesta andrà fatta presso una sola delle due.

Ricordiamo che il termine ultimo per richiedere il bonus 200 euro è il 30 novembre.

I requisiti

money-1033647_1920

Secondo quanto previsto dall’Istituto, i beneficiari del bonus dovranno dichiarare di possedere i seguenti requisiti:

  • essere iscritti a una Cassa di previdenza alla data del 17 maggio 2022;
  • avere partita iva attiva e lavoro avviato entro il 17 maggio 2022;
  • nell’anno d’imposta 2021 devono aver percepito redditi fino a 35.000 euro (dai quali si escludono Tfr, reddito per abitazione e competenze arretrate);
  • devono aver effettuato almeno un versamento (anche parziale) per la contribuzione dovuta alla cassa che eroga il bonus, con competenza a decorrere dal 2020.

Inoltre l’istanza per essere valida dovrà essere accompagnata dalla seguente documentazione:

  • la copia del documento di identità in corso di validità e del codice fiscale;
  • le coordinate bancarie o postali per l’accreditamento del bonus 200 euro.