Bonus 200 euro Partite Iva 2022: quali dati inserire nel modulo di domanda

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
06/09/2022

Presto anche gli autonomi e i professionisti con Partita Iva che possono usufruire del bonus 200 euro potranno presentare domanda per l’agevolazione. Il decreto attuativo deve essere soltanto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma nel frattempo sono stati resi noti i dati che dovranno essere inseriti nel modulo di domanda. Vediamo insieme.

banconote-money-euro

L’articolo 33 del DL Aiuti, DL n. 50 del 17 maggio 2022 prevede che anche gli autonomi e i professionisti con Partita IVA possano usufruire del bonus 200 euro, tuttavia non sono state stabile le modalità di presentazione di domanda. Infatti, le indicazione di dettaglio dovranno essere stabilite dall’INPS e dalle Casse di previdenza.

Nonostante ciò, il decreto attuativo è stato firmato sia da Daniele Franco per il Ministero dell’Economia che da Andrea Orlando per il Ministero del Lavoro, manca solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il provvedimento specifica quali sono le modalità di domanda per autonomi e professionisti che richiedono il contributo, compresi i dati da indicare nel modulo di richiesta. Vediamo insieme.

Bonus 200 euro 2022 Partite IVA: i dati da dichiarare

money-1-min

Innanzitutto, autonomi e professionisti con Partita IVA che presenteranno domanda per il bonus 200 euro dovranno dichiarare di possedere i seguenti requisiti:

  • essere lavoratori autonomo/liberi professionisti, non titolari di pensione;
  • non essere percettori della stessa indennità in altra formula;
  • non aver percepito nell’anno di imposta 2021 un reddito complessivo superiore all’importo di 35.000 euro;
    essere iscritti alla data di entrata in vigore del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50 ad una delle gestioni previdenziali dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) o degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza ed assistenza di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103;
  • nel caso di contemporanea iscrizione a diversi enti previdenziali, di non avere presentato per il medesimo fine istanza ad altra forma di previdenza obbligatoria.

Inoltre, a modulo di domanda sarà necessario allegare la seguente documentazione:

  • la copia del documento di identità in corso di validità e del codice fiscale;
  • le coordinate bancarie o postali per l’accreditamento del bonus 200 euro.