Bonus 400 euro 2023 in busta paga: cos’è e come funziona

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
28/11/2022

Il prossimo anno, i lavoratori potranno godere di un cospicuo aumento in busta paga che ammonterà a circa 400 euro in un anno. Vediamo insieme cosa prevede la legge di bilancio per gli stipendi del 2023.

money-1005464_1920

Secondo quanto previsto dalla legge di bilancio 2023, il prossimo anno i lavoratori riceveranno 400 euro in più in busta paga. Ma come è possibile? Grazie al taglio del cuneo fiscale inserito in Manovra.

Nello specifico, il governo Meloni ha deciso di prorogare il taglio pari al 2 per cento precedentemente introdotto dal governo Draghi. per chi guadagna fino a 35 mila euro annui. Inoltre, per coloro che prendono meno di 20mila euro ogni anno, il taglio aumenterà al 3 per cento dal 1° gennaio 2023. Gli aumenti saranno validi per tutto l’anno a venire.

Busta paga 2023: di quanto aumenteranno gli stipendi

money-1005479_1920

Per quei lavoratori che guadagnano 10mila euro all’anno, il bonus totale nel 2023 sarà di 231 euro mentre per chi riceve 20mila euro l’aumento annuale ammonterà a 395 euro. Continuerà a beneficiare dello stesso aumento in busta paga degli ultimi mesi chi guadagna 35mila euro: si tratta sempre di 395 euro ogni dodici mesi.

Per quanto riguarda il lordo mensile, chi guadagna 1.000 euro lordi al mese ci saranno 10 euro netti in più in busta paga ogni mese. Chi ne prende 1.300 beneficerà invece di un aumento di 13 euro. Infine, chi guadagna 1.500 euro vedrà salire il proprio salario di 15 euro al mese.

Chi riceverà il bonus

money-1033647_1920

Come riportato da Money.it, la retribuzione globale media in Italia nel 2021 è stata pari a 30mila euro annui mentre la retribuzione annua lorda (Ral) è stata di 29.500 euro, pari a quasi 1.700 euro netti al mese.

Nel nostro paese, i lavoratori dipendenti sono oltre 18 milioni e, tra di loro, oltre il 65% risulta sotto la media del reddito annuo lordo italiano. Ciò significa che beneficeranno del taglio del cuneo fiscale targato Meloni quasi 12 milioni di lavoratori.