Bonus acqua potabile 2022: novità sui tempi di attesa

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
02/02/2022

Novità dall’Agenzia delle Entrate per il bonus acqua potabile 2022: i tempi di accettazione o di scarto della domanda passano da 5 a 10 giorni. Più tempo quindi per ottenere la ricevuta necessaria per beneficiare del rimborso fiscale. Vediamo nel dettaglio quali sono le ultime novità sul tema.

Pure fresh water concept

Bonus acqua potabile 2022: l’Agenzia delle Entrate avrà 10 giorni di tempo, e non più 5, per emettere la ricevuta di accettazione o di scarto della domanda, documento indispensabile per poter usufruire del rimborso fiscale.

La novità è stata comunicata dalla stessa Agenzia con un provvedimento del 28 gennaio, che ha aggiornato quello del 16 giugno 2021 relativo all’agevolazione valida per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare, finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque destinate al consumo umano erogate da acquedotti.

Bonus acqua potabile 2022: le ultime novità

AGENZIA DELLE ENTRATE

Con il provvedimento del 28 gennaio 2022 l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato le disposizioni emesse il 16 giugno 2021, allungando da 5 a 10 giorni la finestra a sua disposizione per emettere la ricevuta di accettazione o di scarto della domanda relativa al bonus acqua potabile 2022.

L’Agenzia si prende quindi più tempo per decidere se il bonus spetta o meno a chi ne ha fatto richiesta. La ricevuta di accettazione, ricordiamo, è elemento indispensabile per poter beneficiare dell’agevolazione fiscale sulle spese sostenute tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022 per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare, finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque destinate al consumo umano erogate da acquedotti.

Bonus acqua potabile 2022: come funziona

brutal-barista-in-black-sweatshot-behind-thick-wooden-table-rinses-small-tranparent-glass-with-water-under-silver-metal-tap-in-cafe-shop-water-drops-out-of-glass-min

La Legge di Bilancio 2022 ha disposto la proroga al 2023 del bonus acqua potabile, l’incentivo che prevede un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2021 per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento dell’acqua, oltre che per gli strumenti di addizione di anidride carbonica alimentare.

Gli importi erogati del bonus acqua potabile 2022 sono differenti a seconda dei soggetti beneficiari:

  • 500 euro per i privati;
  • 2.500 euro per esercenti di attività di impresa, arti e professioni e per gli enti non commerciali (compresi quelli del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti).

Possono accedere al bonus:

  • le persone fisiche;
  • gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni;
  • gli Enti non commerciali (anche del Terzo settore);
  • gli enti religiosi civilmente riconosciuti, che sostengono le spese su immobili posseduti o detenuti in base a un titolo idoneo.