Bonus acqua potabile da febbraio 2022: domanda e come funziona

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
22/01/2022

Dal 1° febbraio 2022 sarà possibile inoltrare le domande per il bonus acqua potabile riferito alle spese sostenute nel 2021 per l’acquisto di dispositivi di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento dell’acqua. Vediamo nel dettaglio come richiederlo e quanto spetta.

glass-g349592c86_1920

Bonus acqua potabile: la fase di domanda aprirà dal 1° al 28 febbraio 2022 e sarà riferita alle spese sostenute nel 2021 per acquistare dispositivi di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento dell’acqua.

Il bonus, prorogato fino al 31 dicembre 2023 dalla Legge di Bilancio, è pari al 50% del costo di acquisto per un valore massimo di 500 euro per i privati e di 2.500 euro per gli esercenti: vediamo nel dettaglio come funziona.

Bonus acqua potabile 2022: importi e beneficiari

water-gfb5c96fe3_1920

La Legge di Bilancio 2022 ha disposto la proroga al 2023 del bonus acqua potabile, l’incentivo che prevede un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2021 per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento dell’acqua, oltre che per gli strumenti di addizione di anidride carbonica alimentare.

Gli importi erogati del bonus acqua potabile 2022 sono differenti a seconda dei soggetti beneficiari:

  • 500 euro per i privati;
  • 2.500 euro per esercenti di attività di impresa, arti e professioni e per gli enti non commerciali (compresi quelli del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti).

Bonus acqua potabile 2022: come e quando fare domanda

agenzia-delle-entrate-1200×675

La domanda per il bonus acqua potabile potrà essere presentata tra il 1° e il 28 febbraio 2022 tramite l’apposito servizio web a disposizione dei cittadini nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo, l’utilizzo del credito può avvenire nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento delle spese agevolabili e in quelle successive fino a quando non se ne conclude l’utilizzo o, in alternativa, in compensazione tramite modello F24. Per tutti gli altri soggetti, invece, l’utilizzo è esclusivamente in compensazione tramite modello F24.

Le informazioni sugli interventi devono essere trasmesse in forma telematica all’ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, mentre la spesa deve essere documentata da una fattura elettronica o da un documento commerciale in cui è riportato il codice fiscale del soggetto richiedente.