Bonus affitti under 31: vale anche per la singola stanza?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
26/08/2022

Il bonus affitto giovani under 31 consiste in una detrazione fiscale sull’importo del canone di affitto per quei ragazzi e ragazze che si trasferiscono in una casa diversa da quella in cui abitano i genitori. Vediamo insieme se questo bonus può essere utilizzato anche nel caso in cui si affitti una stanza singola.

house-key-in-home-insurance-broker-agent-s-hand-protection-min

La Legge di bilancio 2022 ha confermato il  bonus affitto under 31 anche per quest’anno. Si tratta di una detrazione fiscale che può essere usufruita dai giovani tra i 20 e i 31 anni non compiuti che abitano in case diverse da quelle dei genitori e con un reddito complessivo non superiore a 15.493,71 euro.

In molti si chiedono se sia possibile usufruire dell’agevolazione in questione anche nel caso in cui si prenda in affitto una stanza singola, come accade per gli studenti fuorisede. Vediamo insieme cosa prevede la normativa in merito.

Bonus affitto giovani 2022: spetta anche per la stanza singola?

crop-hand-holding-house-near-coins-min

Innanzitutto per poter usufruire del bonus affitto under 31 è necessario essere  giovani di età tra i 20 e i 31 anni non compiuti, con un reddito annuale complessivo non superiore a 15.493,71 € e spetta per i primi 4 anni del contratto di affitto.

La detrazione spetta per l’intera unità immobiliare, come un appartamento, utilizzata come residenza del locatario e non solo abitazione principale, ma anche per una porzione dell’unità immobiliare, dunque la singola stanza. Infatti, secondo l’articolo 1, comma 155 della legge n. 234/2021 (Legge di Bilancio 2022), il bonus spetta anche se si prende in locazione solo una porzione dell’immobile.

Bonus affitto giovani 2022: di cosa si tratta

stay-at-home-concept-on-wooden-table-side-view-hand-holding-wooden-cube-min (1)Il bonus affitto giovani prevede una detrazione Irpef del 20% del canone di locazione fino a un massimo di 2.000 euro e può essere applicata ai primi quattro anni di locazione.

Il bonus affitto giovani può rivelarsi molto utile anche per gli studenti e le studentesse fuori sede, poiché, come ribadito precedentemente, non è necessario che la locazione riguardi un’intera unità immobiliare, ma anche una parte di esse, come una singola stanza presa in affitto.

Per richiedere il bonus affitto giovani è necessario presentare i seguenti documenti:

  • il regolare contratto di affitto registrato;
  • per i lavoratori dipendenti, copia del contratto di lavoro ovvero la Cu che attesti la qualifica di lavoratore dipendente;
  • autocertificazione dove si dichiara che l’immobile è utilizzato come abitazione principale e diversa da quella dei genitori, ovvero attestazione di residenza per i lavoratori dipendenti.