Bonus affitto 2021: proroga al 31 luglio

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
28/05/2021

Bonus affitto nel decreto Sostegni bis: prorogato al 31 luglio il credito di imposta per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo. Allargata anche la platea dei beneficiari: potranno accedervi tutte le attività con fatturato fino a 15 milioni di euro.

money-1017463_1920

Nel decreto Sostegni bis ci sono novità importanti anche per quanto riguarda il bonus affitto. Il nuovo provvedimento economico, in vigore dal 26 maggio, ha infatti deciso di prorogare al 31 luglio il credito di imposta fino al 60% sui canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo.

Si amplia anche la platea dei beneficiari, che arriva a comprendere le attività economiche che fatturano fino a 15 milioni di euro.

Bonus affitto: le novità nel Sostegni bis

office-with-documents-money-accounts (1)-min

Novità importanti per il bonus affitto nel nuovo decreto Sostegni bis, entrato in vigore il 26 maggio 2021. Nel provvedimento, infatti, viene disposta la proroga al 31 luglio 2021 del credito d’imposta fino al 60% sui canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo.

Cambia anche la platea dei beneficiari, che ricomprende adesso le attività economiche con fatturato fino a 15 milioni di euro. All’articolo 4 del dl 73/2021 si fa esplicito riferimento a:

“I soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 15 milioni di euro nel secondo periodo d’imposta antecedente a quello di entrata in vigore del presente decreto […] in relazione ai canoni versati con riferimento a ciascuno dei mesi da gennaio 2021 a maggio 2021″.

Viene confermato, invece, il requisito della perdita di fatturato di almeno il 30% rispetto all’anno precedente:

“Ai soggetti locatari esercenti attività economica, il credito d’imposta spetta a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1° aprile 2020 e il 31 marzo 2021 sia inferiore almeno del 30 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1° aprile 2019 e il 31 marzo 2020″.

Bonus affitto: a chi spetta

young-businessman-working-from-his-office-and-calculating-numbers-min

Il credito d’imposta può essere pari al 60, 50 o 30% del canone di locazione degli immobili ad uso non abitativo, in relazione alla tipologia di attività esercitata.

Nel dl Sostegni bis vengono indicate con precisione le categorie che possono beneficiare dell’agevolazione:

  • soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione;
  • enti non commerciali, compresi enti del terzo settore ed enti religiosi civilmente riconosciuti;
  • imprese turistico-ricettive, agenzie di viaggio e tour operator (per questa categoria viene meno anche il requisito del tetto di fatturato di 15 milioni di euro);
  • startup con inizio attività da gennaio 2019.