Bonus alberghi: ecco tutte le novità

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
14/06/2022

Il bonus alberghi ha aperto la possibilità di presentare le domande da ieri lunedì 13 Giugno 2022. Ma attenzione, il bonus non spetta ai turisti, bensì a coloro che sono in possesso di un albergo e vogliono effettuare delle ristrutturazioni. Vediamo quali sono i requisiti e quanto verrà erogato per i beneficiari.

Hotel

Sarà messo a disposizione si tutti i proprietari di alberghi e simili, un bonus ad hoc per effettuare le ristrutturazioni grazie alla cessione del credito d’imposta al 65%. Il massimale da utilizzare sarà di 200 mila euro, e riguarderà numerosi interventi effettuabili tra: ristrutturazione edilizia, eliminazione delle barriere architettoniche, incremento dell’efficienza energetica, adozione di misure antisismiche, acquisto di mobili e componenti d’arredo.

Il governo ha stanziato ben 380 milioni di euro a tal proposito: scopriamo i dettagli della vicenda!

Bonus alberghi: domande al via

Hotel

Come detto dunque, da ieri 13 Giugno 2022 sarà possibile presentare le domande per ottenere il bonus alberghi. La compilazione potrà essere effettuata solamente online, a partire dalle 12 del suddetto giorno. Il tempo a disposizione è però limitato, infatti la scadenza è stata fissata per il 16 Giugno 2022 alle ore 13.

Ogni impresa o proprietario di strutture alberghiere, potrà presentare solamente una domanda per poter partecipare correttamente al bonus. Dunque per le imprese che gestiscono più di una struttura, dovranno ben scegliere su quale di queste effettuare gli interventi.

Come presentare la domanda

Hotel

Vediamo ora come è possibile presentare la domanda per partecipare al bonus alberghi. Il soggetto dovrà essere ovviamente in possesso delle varie modalità di identità digitali: SPID, CNS o CIE sono ormai una prassi per accedere ai bonus predisposti dal governo. La presentazione della domanda potrà essere fatta sull’apposita piattaforma.

Una volta che si è compilato il format, la domanda dovrà essere conclusa disponendo la firma digitale e consegnando un indirizzo PEC. Una volta ultimata la procedura, verrà rilasciato un protocollo elettronico e la relativa ricevuta.