Bonus assunzioni Reddito di Cittadinanza: novità e come funziona

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
01/02/2022

L’Esecutivo ha istituito un nuovo bonus per coloro che assumeranno cittadini risultati beneficiari del Reddito di Cittadinanza. Le nuove regole sono ormai in vigore dal 1° gennaio 2022: quali sono i requisiti e quanto spetta di bonus? Scopriamolo insieme!

reddito-di-cittadinanza

La volontà del premier Draghi è quella di incentivare l’assunzione dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza, in modo tale da rendere più attivo il mercato del lavoro e snellire il bilancio statale. Dal 1° gennaio infatti, sono previste delle agevolazioni per i datori di lavori che assumeranno i beneficiari del Reddito, il cosiddetto Bonus assunzioni.

Di cosa si tratta? Cambierà qualcosa riguardo alla formulazione della domanda per il Reddito di Cittadinanza?

Bonus assunzioni Reddito di Cittadinanza: ecco di cosa si tratta

Lavoro

Analizziamo in primis cos’è il bonus assunzioni Reddito di Cittadinanza. Va fatta una distinzione tra assunzione definitiva e patto di formazione, pattuita con il datore di lavoro:

  • in caso di assunzione il bonus spetterà unicamente al datore di lavoro;
  • nel caso del patto di formazione, con successiva assunzione, il bonus dovrà essere equamente diviso tra il datore di lavoro e l’ufficio di formazione di cui ci si è serviti.

Nel caso di assunzione, al datore di lavoro spetta un esonero contributivo calcolato sui seguenti parametri:

  • importo mensile del Reddito di Cittadinanza percepito dal lavoratore e comunque non superiore ai 780 euro mensili;
  • durata calcolata facendo la differenza tra 18 mensilità e le mensilità già godute del Reddito di Cittadinanza, comunque non inferiore a 5 mensilità.

Bonus assunzione Reddito di Cittadinanza: quando spetta?

reddito-1200-1

La grande novità introdotta dal Governo è che il bonus spetta anche per i contratti a tempo parziale (part-time) o a termine, oltre alle assunzioni full-time.

È stato stabilito, infatti, che l’azienda datrice di lavoro potrà ottenere il bonus qualora stipuli uno dei seguenti contratti:

  • a tempo indeterminato pieno o parziale (inclusi quelli a scopo di somministrazione e in attuazione del vincolo associativo con cooperativa di lavoro);
  • a tempo determinato pieno o parziale;
  • apprendistato.

Si auspica che tali novità portino ad un miglioramento del processo di inserimento nel mondo del lavoro dei percettori del Reddito di Cittadinanza.