Bonus attività fisica 2023 in scadenza: entro quando fare domanda

Tra le agevolazioni a disposizione di cittadini e cittadine italiane è previsto anche il bonus attività fisica, il quale permette di beneficiare di un credito d’imposta per gli esercizi fisici prescritti per situazioni specifiche, come patologie croniche o disabilità fisiche. Vediamo insieme di cosa si tratta.

gym-room-1180062_1920

L’Agenzia delle entrate offre un bonus per le spese documentate sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022 per attività fisica adattata (Afa) entro il 15 marzo 2023. Vediamo insieme di cosa si tratta, entro quando e come fare domanda.

Bonus attività fisica adattata: cos’è

gym-526995_1920

L’Afa si riferisce agli esercizi fisici prescritti per situazioni specifiche, come patologie croniche o disabilità fisiche, svolte sotto la supervisione di un professionista competente e in luoghi non sanitari come le “palestre della salute”.

L’articolo 1, comma 737 della legge 30 dicembre 2021, n. 234 prevede un credito d’imposta per le spese documentate sostenute per fruire di attività fisica adattata dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 dalle persone fisiche. Il credito d’imposta è riconosciuto nel limite di spesa di 1,5 milioni di euro per l’anno 2022.

Entro quando fare richiesta

Il decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 5 maggio 2022 ha definito le modalità attuative per l’accesso al bonus. La domanda per il credito d’imposta deve essere inviata entro il 15 marzo 2023 utilizzando l’apposito modello approvato dall’Agenzia delle entrate e presentata attraverso il servizio web disponibile nell’area riservata del portale dell’Agenzia delle entrate (Entratel per gli intermediari, Fisconline per i privati).

Come fare domanda

La domanda può essere presentata direttamente dal beneficiario o tramite un intermediario come commercialista o CAF. Dopo la presentazione della richiesta, viene rilasciata una ricevuta che attesta la presa in carico o lo scarto della richiesta con le relative motivazioni.

A cosa serve

Il credito d’imposta per le spese sostenute per attività fisica adattata mira a migliorare il livello di attività fisica, il benessere e la qualità della vita delle persone che hanno patologie croniche clinicamente controllate e stabilizzate o disabilità fisiche.

Lascia un commento