Bonus auto elettriche: cos’è, quanto spetta e come richiederlo

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
19/10/2022

Il 10 novembre apriranno le domande per il nuovo bonus auto riconosciuto a chi decide di trasformare il proprio veicolo a motore termico in uno elettrico a basse emissioni. Vediamo nel dettaglio come funziona l’incentivo e quali sono gli importi erogati.

plugged-in-charger-into-an-electric-car-at-charge-station-min

Bonus auto: si attende solo il 10 novembre per l’apertura ufficiale delle domande del nuovo incentivo fino a 3.500 euro riconosciuto a chi trasforma la propria auto a motore termico in un veicolo elettrico a basse emissioni.

Il decreto contenente la misura è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 16 settembre: vediamo nel seguente articolo tutti i dettagli.

Bonus motore elettrico 2022: cos’è e a chi spetta

plugged-in-charger-into-an-electric-car-at-charge-station (1)-min

È pronto a partire il nuovo incentivo auto riconosciuto a chi decide di installare sul proprio veicolo un sistema di riqualificazione elettrica in sostituzione del motore endotermico. La misura, chiamata anche bonus Retrofit, finanzia il passaggio da un motore a combustione interna ad un motore a trazione elettrica, fino ad un massimo di 3.500 euro.

Possono richiedere il contributo i proprietari delle seguenti categorie di mezzi:

  • M1 – Veicoli a motore destinati al trasporto di persone, aventi al massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente;
  • M1G – Veicoli a motore destinati al trasporto di persone, aventi al massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente (fuoristrada)
  • M2 – Veicoli a motore destinati al trasporto di persone, aventi più di 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima non superiore a 5 tonnellate;
  • M2G – Veicoli a motore destinati al trasporto di persone, aventi più di 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima non superiore a 5 tonnellate (fuoristrada);
  • M3 – Veicoli a motore destinati al trasporto di persone, aventi più di 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima superiore a 5 tonnellate;
  • M3G – Veicoli a motore destinati al trasporto di persone, aventi più di 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima superiore a 5 tonnellate (fuoristrada);
  • N1 – Veicoli a motore destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 tonnellate;
  • N1G – Veicoli a motore destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 tonnellate (fuoristrada).

Bonus motore elettrico 2022: importi e come ottenerlo

banconote-money-euro

Il contributo erogato con il bonus è pari al 60% del costo della riqualificazione elettrica, fino ad un massimo di 3.500 euro. A questa cifra si deve poi aggiungere un ulteriore contributo pari al 60% delle spese relative all’imposta di bollo per l’iscrizione al Pubblico Registro Automobilistico (PRA), all’imposta di bollo e all’imposta provinciale di trascrizione.

Per l’assegnazione del contributo il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili si avvarrà di una specifica piattaforma online, gestita da Consap, la cui attivazione sarà comunicata sul sito del Ministero.

Potrà accedere al bonus chi ha provveduto a sostituire il motore termico del proprio veicolo con un motore elettrico a partire dal 10 novembre 2021, data di entrata in vigore della legge n. 156/2021 che prevede tale misura. Il termine per l’acquisizione delle richieste scadrà invece il 31 dicembre 2022.