Bonus barriere architettoniche 2023: lavori e soggetti ammessi o esclusi

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
20/01/2023

Il bonus barriere architettoniche è stato confermato anche per il 2023 dalla Legge di Bilancio. Ma quali sono i lavori ammessi e quali esclusi? E chi può beneficiare della misura? Vediamo insieme.

Disabile

Il bonus barriere architettoniche consiste in un’agevolazione pari al 75% sulle spese effettuate per l’eliminazione degli ostacoli alla mobilità su edifici già esistenti.

La misura è stata confermata anche per il 2023 dalla Legge di Bilancio. Ma quali interventi sono ammessi? E chi può usufruirne? Vediamo insieme.

Bonus barriere architettoniche: come funziona

blind-man-people-with-disability-handicapped-person-and-everyday-life-visually-impaired-man-with-walking-stick-descending-steps-in-city-park-min

Il bonus barriere architettoniche consiste in una detrazione al 75% applicabile sulle spese effettuate per i lavori di eliminazione degli elementi che possano ostacolare la mobilità in edifici già esistenti.

L’agevolazione è riconosciuta su un importo complessivo inferiore a 96.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.

La misura è suddivisa in cinque quote annuali di uguale importo, da riportare nella dichiarazione dei redditi.

Quali sono i lavori esclusi

Si tratta di un bonus alternativo al bonus ristrutturazione 50% e a cui sono ammesse le stesse tipologie di spesa.

Il beneficio spetta purché si tratti di lavori fatti su edifici esistenti. Quindi, non spetta per:

  • interventi effettuati durante la fase di costruzione dell’immobile
  • interventi realizzati mediante demolizione e ricostruzione, compresi quelli con la stessa volumetria dell’edificio preesistente inquadrabili nella categoria della “ristrutturazione edilizia (Circolare Agenzia delle Entrate n. 23/E del 2022).

Quali sono i lavori compresi

Il bonus spetta anche per spese dirette a realizzare interventi di automazione degli impianti degli edifici e delle singole unità immobiliari funzionali ad abbattere le barriere architettoniche nonché, in caso di sostituzione dell’impianto, per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dei materiali e dell’impianto sostituito.

Quali sono i soggetti ammessi

Possono beneficiare del bonus:

  • persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni;
  • enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale;
  • società semplici;
  • associazioni tra professionisti;
  • soggetti che conseguono reddito d’impresa, siano essi persone fisiche, enti, società di persone o società di capitali.

Quali sono i soggetti esclusi

Sono, invece, esclusi coloro che hanno esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva dell’IRPEF. In questo caso, infatti, mancherebbe l’IRPEF su cui far valere la detrazione. Per loro però resta la possibilità di optare per sconto in fattura o cessione del credito.