Bonus bebè 2022 da 400 euro: cos’è, come funziona e dove spetta

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
15/12/2022

È in arrivo un nuovo bonus bebè dal valore di 400 euro in uno dei più noti comuni d’Italia. Vediamo insieme di cosa si tratta, a chi spetta ed entro quando fare domanda.

Bebè

In un comune italiano è stato introdotto un bonus per ogni nuovo nato in città nel 2022. Per l’agevolazione sono stati investiti 200 mila euro in modo tale che ogni famiglia riceva 400 euro, fino a esaurimento fondi.

Inizialmente, le risorse a disposizione ammontavano a 100 mila euro, ma a fine novembre è arrivata la delibera che ha raddoppiato i fondi.

Vediamo insieme di cosa si tratta e chi può richiedere il bonus.

Bonus bebè 2022: di cosa si tratta

faceless-mother-with-naked-baby-infant-holding-mommy-s-finger-mum-spending-time-with-her-tiny-child-on-light-background

Il bonus bebè è stato introdotto dal Comune di Cagliari per i suoi cittadini e si tratta di un assegno dal valore di 400 euro, che viene assegnato senza limiti di reddito presentando richiesta sul sito del Comune, tramite Spid o carta d’identità elettronica.

Le adesioni al bando possono essere depositate a partire dalle 16 di oggi fino alle 12 del 27 dicembre. Possono presentare domanda anche coloro che presumono la nascita entro il 31 dicembre, “fermo restando che l’assegno sarà erogato previa verifica di nascita e residenza”, come precisato nella delibera del 25 novembre scorso.

Soltanto nel momento in cui sarà stilata la graduatoria degli aventi diritto sarà preso in considerazione l’ISEE, dando precedenza a coloro che lo hanno più basso. In seguito, il bonus sarà assegnato a chi non possiede il reddito di cittadinanza e “in caso di ulteriore parità, sarà data priorità ai nuclei dove sia presente il maggior numero di minori“.