Bonus birra artigianale 2022: come funziona e quando spetta

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
04/02/2022

Si è aperta il 20 gennaio la finestra per presentare le domande per il bonus birra artigianale 2022, la misura introdotta dal Ministero dello Sviluppo Economico destinata ai birrifici artigianali, che potranno beneficiare di un contributo a fondo perduto. Vediamo nel dettaglio come funziona il bonus.

beer-g0c1201f87_1920

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha introdotto un nuovo bonus destinato ai produttori di birra artigianale, che se in possesso di determinati requisiti potranno usufruire di nuovi contributi a fondo perduto.

Le domande possono essere inoltrate a partire dallo scorso 20 gennaio esclusivamente per posta elettronica certificata.Vediamo nel seguente articolo i dettagli del bonus e chi può richiederlo.

Bonus birra artigianale: i requisiti

beers-g11940c830_1920

Dal 20 gennaio 2022 si possono inviare le domande per ottenere il bonus birra artigianale, un contributo a fondo perduto messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico e già previsto dal decreto Sostegni bis.

L’obiettivo dell’incentivo è quello di dare un aiuto economico al comparto italiano dei birrifici artigianali: un settore giovane che, come dichiarato dal Ministro Giorgetti, è riuscito a valorizzare un’arte antica legata al territorio e alla qualità dei prodotti.

Per poter accedere al bonus, i birrifici:

  • devono utilizzare impianti fisicamente distinti da quelli di qualsiasi altro birrificio;
  • devono essere economicamente e legalmente indipendenti da un altro birrificio;
  • non devono operare sotto licenza di utilizzo dei diritti di proprietà immateriale di altri.

Bonus birra artigianale: quanto spetta?

money-1005464_1920

Il bonus birra artigianale prevede un contributo a fondo perduto pari a 0,23 centesimi di euro per ciascun litro di birra prodotto e preso in carico nel registro annuale di magazzino nel 2020, o nel registro della birra condizionata. I dati sono quelli presentati dai microbirrifici e dagli esercenti delle piccole birrerie nazionali all’Agenzia delle accise, dogane e monopoli. È esclusa dall’incentivo qualsiasi birra sottoposta a processi di microfiltrazione e pastorizzazione.

Le domande possono essere inviate a partire dal 20 gennaio e fino alle ore 12 del 18 febbraio 2022: dopo averle firmate digitalmente dal legale rappresentante vanno inoltrate con posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo [email protected].