Bonus bollette 600 euro 2022: è cumulabile con il bonus benzina?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
10/11/2022

Un importante chiarimento arriva dall’Agenzia delle Entrate in merito al bonus bollette da 600 euro. Quest’ultimo, infatti, è cumulabile con il bonus benzina da 200 euro. Vediamo insieme per quale motivo.

light-bulb-3104355_1920

L’Agenzia delle Entrate ha fornito le istruzioni necessarie ai datori di lavoro per quanto riguarda l’erogazione del bonus bollette da 600 euro ai propri lavoratori sotto forma di benefits. In particolare, l’Amministrazione finanziaria ha specificato che il bonus in questione è cumulabile con il bonus benzina da 200 euro introdotto a marzo di quest’anno dal Decreto Energia.

Ma vediamo insieme nel dettaglio.

Bonus bollette e bonus benzina sono cumulabili

gasoline-gf1c623327_1920

Il Decreto aiuti Bis ha innalzato da 258,23 euro a 600 euro il limite entro il quale nel 2022 è possibile riconoscere ai dipendenti insieme ai cosiddetti fringe benefits anche somme per il pagamento delle utenze domestiche.

I datori di lavoro hanno la possibilità di riconoscere liberamente un voucher o rimborsare i costi delle utenze domestiche per acqua, gas ed elettricità dei propri dipendenti fino ad un massimo di 600 euro all’anno.

Con la circolare n. 35/E del 4 novembre 2022, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che il bonus benzina non rientra nel citato limite dei 600 euro ed è compatibile e cumulabile con il bonus bollette. Ciò significa che in totale i lavoratori dipendenti possono quindi ottenere fino a 800 euro esentasse.

Bonus bollette in busta paga: di cosa si tratta

light-bulb-1640438_1920

Il bonus bollette da 600 euro fa parte dei fringe benefit, ossia quei benefit che fanno parte del welfare aziendale e che le aziende non erogano ai dipendenti sotto forma di denaro ma con beni e servizi.

Tra i benefit aziendali esentasse, entro il limite di 600 euro per il solo 2022, che possono essere riconosciuti al dipendente, entrano di diritto quindi anche le somme concesse al lavoratore per il pagamento delle bollette di luce, gas e acqua.

Per usufruire del contributo non è necessario presentare domanda in quanto è l’azienda a decidere se erogarlo o meno, decidendo liberamente le persone cui destinarlo.