Bonus caldaia 2021: scadenza, a chi spetta e come funziona

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
01/12/2021

Rimane poco tempo per poter beneficiare del bonus caldaia, l’incentivo destinato a chi decide di cambiare la propria caldaia con una in grado di migliorare l’efficientamento energetico dell’abitazione in cui si trova. La scadenza, infatti, è fissata al 31 dicembre 2021: vediamo chi può richiederla e come fare domanda.

Boiler water heater with plastic tubes on wall

C’è tempo fino al prossimo 31 dicembre per richiedere il bonus caldaia, uno dei tanti incentivi introdotti dal Governo Draghi per migliorare l’efficientamento energetico delle abitazioni.

La misura, che prevede una detrazione fiscale fino al 65% della spesa sostenuta, è concessa a chi decide di cambiare la propria caldaia con una di classe superiore in grado di garantire un miglioramento dell’efficienza energetica della casa.

Vediamo insieme chi può richiedere il bonus e quali sono le tipologie di spese ammissibili.

Bonus caldaia 2021: cos’è e a chi spetta

service-man-adjusting-house-heating-system-min


Leggi anche: Bonus caldaia 2021: detrazione, requisiti e quando spetta

Il bonus caldaia 2021 è un incentivo introdotto dal Governo Draghi all’interno del pacchetto di ecobonus pensati per migliorare l’efficientamento energetico delle abitazioni.

La misura, attiva fino al 31 dicembre 2021, prevede la possibilità di usufruire di una detrazione fiscale sulla spesa sostenuta:

  • con un’aliquota al 65% per la sostituzione della caldaia vecchia con una nuova a condensazione, di classe A o superiore, con l’installazione integrata di valvole di termoregolazione evolute (di classe V, VI o VIII) o di pompe di calore (la stessa aliquota del 65% potrà essere usata anche nel caso di installazione di sistemi cosiddetti ibridi, che prevedono sistemi integrati tra caldaia e pompa di calore);
  • con un’aliquota al 50% per la sostituzione della vecchia caldaia con una caldaia a condensazione di classe A, ma senza valvole.

La detrazione spettante viene suddivisa in dieci rate annuali di pari importo, con l’importo massimo detraibile per il 2021 fissato a 30 mila euro, e può essere usufruita dai proprietari dell’immobile o da chiunque goda di un diritto reale di godimento sullo stesso.

Non è previsto alcun limite ISEE per accedere all’agevolazione: è richiesta solamente la certificazione di un tecnico abilitato che attesti lo stato delle cose prima e dopo i lavori e che dimostri che tutti i requisiti richiesti siano stati regolarmente rispettati.

Bonus caldaia 2021: quando si può utilizzare

unrecognizable-male-plumber-standing-near-kitchen-sink-and-showing-thumb-up-min

Gli interventi per i quali è possibile usufruire del bonus caldaia sono i seguenti:

  • smontaggio o dismissione dell’impianto di climatizzazione esistente;
  • fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione a regola d’arte dell’impianto termico esistente con un generatore a condensazione;
  • adeguamento della rete di distribuzione, dei sistemi di accumulo, dei sistemi di trattamento dell’acqua, dei dispositivi di controllo e regolazione nonché dei sistemi di emissione;
  • prestazioni professionali legate agli interventi sopra citati (ad esempio produzione della documentazione tecnica e direzione dei lavori).


Potrebbe interessarti: Bonus caldaia 2021: come richiederlo